conosci

Paesi | Asia | Asia occidentale | Yemen

Carta d'identità

Bandiera:
Capitale: Sanaa
Superficie (km²): 527970
Densità (ab/km²): 40
Forma di governo: Repubblica
Sito ufficiale del Governo: http://www.yemen.gov.ye/
Data dell'indipendenza: 22 maggio 1990
Indipendenza da: Unificazione del paese
Moneta: Yemen
Membership:

AFESD, AMF, CAEU, FAO, G-77, IAEA, IBRD, ICAO, ICCt (firmatario), ICRM, IDA, IDB, IFAD, IFC, IFRCS, ILO, IMF, IMO, Interpol, IOC, IOM, IPU, ISO (corrispondente), ITSO, ITU, ITUC, LAS, MIGA, MINURCAT, MINURSO, MONUC, NAM, OAS (osservatore), OIC, OPCW, UN, UNAMID, UNCTAD, UNESCO, UNHCR, UNIDO, UNMIL, UNMIS, UNOCI, UNOMIG, UNWTO, UPU, WCO, WFTU, WHO, WIPO, WMO, WTO (osservatore)

Spazio fisico

Testo completo:

Morfologia. Il territorio dello Yemen occupa lo sperone meridionale della Penisola Arabica. Affiorano qui numerosi lembi del basamento cristallino della zolla arabica (limitata da numerose fratture che interessano direttamente la crosta terrestre), in parte ricoperti da depositi sedimentari di età mesozoica e cenozoica. Lungo i margini periferici, che si levano a sovrastare il Mar Rosso e il Golfo di Aden fin oltre i 3.000 m di altezza (Hadur Shaykh, 3.760 m), sono frequenti i depositi vulcanici di natura basaltica (trapps) e veri e propri apparati vulcanici recenti, ancora attivi in questo secolo. La sezione occidentale dello Yemen, affacciata sul Mar Rosso, è costituita da un altopiano. Questo, eroso profondamente in corrispondenza delle vallate che scendono ripide verso le pianure costiere, ha un'orlatura movimentata, che alterna rocce granitiche antiche e strati arenacei paleozoici e mesozoici; procedendo verso l'interno però i rilievi si appianano, il territorio assume forme tabulari, comunque meno accidentate, digradando verso est in rapporto alla generale inclinazione della Penisola Arabica, e via via a carattere desertico. La parte orientale dello Yemen è un vasto altopiano costituito da terreni arenacei e calcarei cenozoici che a nord lasciano il posto a un immenso deserto di sabbie rosse (Rub'al Khali), battuto incessantemente dai venti secchi di sud-est. Le coste sono basse e sabbiose.

 

Clima. L'altitudine rende l'altopiano ben abitabile, specie nella sua orlatura, che costituisce la regione più ospitale dello Yemen ed è chiamata Serat o "luogo fresco"; a San'a si hanno temperature medie massime di 20 °C e minime persino di -5 °C. Le precipitazioni, apportate dalle masse d'aria marittime tropicali, sono estive e, qui, abbondanti (800-1.000 mm annui). La fascia costiera ha, invece, un clima del tutto diverso: è detta il Tihamah, o "luogo caldo" , con temperature che oscillano fra i 38 °C e i 27 °C. Nella sezione orientale dello Yemen invece il clima è caldo e secco. La temperatura si mantiene intorno a valori elevati durante tutto l'anno: ad Aden i valori medi sono compresi tra i 24 °C di gennaio e i 32 °C di giugno, ma durante l'estate si raggiungono talora i 50 °C all'ombra. Le precipitazioni, molto scarse e apportate dai monsoni, sono concentrate quasi esclusivamente nei mesi estivi, per cui manca un'idrografia permanente.

 

Flora. L'interno è arido e steppico con rare oasi. Sull'altopiano la vegetazione è molto simile a quella dell'Etiopia, con piante tropicali xerofile (acacie, tamerici, euforbiacee); tipici dello Yemen sono il qat (Cardya abissina), le cui foglie forniscono una droga, e il caffè. Sulla fascia costiera crescono la palma da cocco, l'aloe e l'euforbia, di cui alcune specie sono simili al cactus; inoltre acacie, tamerici, palme dum nell'altopiano orientale e nell'uadi Hadhramaut.

Ambiente umano

Testo completo:

Popolamento. Lo Yemen è terra di popolamento assai antico: fu sede di floridi regni, tra cui il regno di Saba che ebbe rapporti con il mondo egizio, e fu a lungo considerato come l' Arabia Felix, terra che dava prodotti rari e abbondanti. In epoca romana Aden era un porto molto attivo. L'importanza economica e strategica del Paese aumentò dal XVI secolo, con la scoperta della via circumafricana per le Indie, e nel XIX secolo, quando Aden divenne una base inglese sulla rotta di Suez. Le regioni occidentali rimasero isolate, conservando antiche forme di vita e di assetti territoriali.

 

Distribuzione e centri urbani. La popolazione si raccoglie in maggior parte nelle alte terre (il Serat) al di sopra dei 1.700 m, nelle vallate vicine al Tihamah sui conoidi di deiezione che scendono dalle scarpate e nei pochi centri portuali. Predominano i villaggi, piccoli e medi, che sull'altopiano e sui monti assumono aspetti caratteristici, con le grandi e alte case, spesso fortificate, che ospitano ciascuna una famiglia patriarcale. La città maggiore è San'a, antica e splendida capitale, cinta di mura, già sede sultanale insieme a Ta'izz, centro del rinnovamento in corso nel Paese. All'interno dell'altopiano è la città di Ta'izz, ricco centro commerciale. Sul Mar Rosso è Hodeida, attivo porto. Nella sezione orientale dello Yemen la popolazione ha una densità più bassa. Le maggiori concentrazioni si registrano lungo la costa, soprattutto ad Aden, il maggior centro industriale e commerciale del Paese; essa forma con i sobborghi sviluppatisi intorno al nucleo originario (Crater) e al porto (Steamer Point), tra cui Ash Sha'ab e Shaykh Uthman. Altro centro costiero di rilievo è Al Mukalla ; all'interno gli unici centri di un certo interesse sono situati lungo l'uadi Hadhramaut, la fertile vallata ricca di oasi e celebre per i grandi edifici patriarcali di 8-9 piani, alti talora fino a 60 m.

Aspetti economici

Testo completo:

I contrasti che caratterizzavano l'economia dei due Stati yemeniti prima della loro unificazione (1990) sono sostanzialmente rimasti. A fianco di iniziative industriali e minerarie, che sono state finanziate con cospicui investimenti stranieri (europei, ma anche arabo-sauditi), e di realizzazioni infrastrutturali (strade, porti, aeroporti), che hanno portato nel Paese una ventata di modernità, rimangono strutture socio-economiche ancora arcaiche, soprattutto nel settore agricolo e zootecnico. È indubbio, tuttavia, che la presenza di un'area economicamente vivace come quella gravitante attorno ad Aden, unita alle promettenti risorse energetiche (petrolio) dello Yemen occidentale, non potrà non costituire un sicuro elemento di sviluppo.

 

Agricoltura e allevamento. Attualmente l'economia delle regioni occidentali è ancora basata in gran parte sull'agricoltura (la zona arativa si estende per circa 2,9% della superficie territoriale), favorita specialmente sull'altopiano, e sull'allevamento: si coltivano cereali, come il sorgo, il frumento, l'orzo e il mais, nonché i legumi, le patate e alberi da frutta: agrumi, uva, albicocche e datteri. Nella fascia costiera sono state introdotte con un discreto successo varie colture commerciali, come canna da zucchero, ricino, tabacco, cotone; l'orlatura montuosa del Serat è invece adatta al caffè,che un tempo rese celebre lo Yemen in tutto il mondo, ma che viene sempre più soppiantato dal qat , un albero le cui foglie, masticate, producono un effetto euforizzante. L'ingente patrimonio zootecnico comprende soprattutto caprini e ovini (tra cui le pregiate pecore che forniscono le pelli di astrahan ); non mancano bovini, asini e animali da cortile. La pesca consente una certa esportazione (pesce salato o essiccato).

 

Risorse minerarie e industria. Il sottosuolo ha rivelato, nelle regioni settentrionale (Marib), promettenti giacimenti di petrolio. Nel 1986 è stata ultimata la raffineria di petrolio di Marib e sempre nello stesso anno è iniziata la costruzione di un oleodotto di 440 km dal giacimento di Alif al terminale di Salef, sul Mar Rosso. Estremamente limitate sono tuttora le attività industriali, rappresentate da piccole aziende, che per lo più lavorano prodotti agricoli e zootecnici locali. Maggior centro industriale dello Yemen è Aden con stabilimenti tessili (cotone), manifatture di tabacchi, oleifici, conservifici, concerie, saponifici, cementifici, birrifici.

 

Comunicazioni e commercio. Scarso è lo sviluppo delle vie di comunicazione: non esistono ferrovie e le strade si sviluppano per circa 51.700 km, di cui 4.750 asfaltate, e servono pressoché unicamente a collegare i centri del litorale tra loro e con quelli dell'altopiano, dove prevalgono le piste carovaniere. Le comunicazioni internazionali si svolgono attraverso i porti di Hodeida e di Aden e gli aeroporti di San'a, Hodeida, Ta'izz e Aden (Khormaksar). Pelli, pesce, caffè, cotone forniscono meno di 1/10 delle esportazioni, mentre tutto il rimanente consiste nei prodotti petroliferi delle raffinerie di Little Aden e di Marib; le importazioni sono rappresentate principalmente da macchinari e da altri prodotti industriali, benché anche i generi alimentari gravino ormai in misura considerevole. Il commercio si svolge soprattutto con gli Stati Uniti, il Giappone, gli Emirati Arabi Uniti, la Germania, l'Arabia Saudita.

Storia

Testo completo:

Dalle origini al XIX secolo.

La “via delle spezie” rese famoso nell'antichità uno Stato che aveva il suo centro nello Yemen attuale, il regno di Saba (I millennio a. C.). Ai Sabei subentrarono nel sec. I a. C. gli Himiariti, che ressero lo Yemen fino al 525 d. C., quando furono sconfitti dagli Etiopici. Lo Yemen, che sul finire del sec. VI fu una satrapia persiana, adottò l'islamismo intorno al 630. Le guerre di religione accesesi tra i musulmani all'epoca del quarto califfato ebbero ripercussioni anche nello Yemen, le cui pianure occidentali videro prevalere i Sunniti, mentre nelle montagne orientali ebbero la meglio gli Zaiditi, un ramo dello sciismo. Nel sec. IX un imām zaidita fondò la dinastia che, con qualche interruzione dopo esser divenuta tributaria dei Turchi nel sec. XV (ma da essi effettivamente controllata solo verso la fine dell'Ottocento), regnò sullo Yemen del Nord fino al 1962, anno in cui ottenne l'indipendenza dall'Impero Ottomano. Dal 1839 l'Impero Britannico occupò il porto di Aden e altri territori meridionali: questa parte del Paese rimase una colonia inglese fino 1967. Qui di seguito una trattazione separata della diversa evuzione storica dei territori settentrionali e di quelli meridionali dello Yemen, riunificatesi solo nel 1990.

Popolazione

(?)
Popolazione totale: 24052514
(?)
Popolazione urbana (%): 32,32
(?)
Gruppi etnici:

arabi (in maggioranza), afroarabi, asiatici del sud, europei

(?)
Lingue:

arabo

(?)
Religioni:

musulmani, inclusi shafi (sunniti) e zaydi (sciiti), piccole comunità di ebrei, crisitani e indù

Demografia

(?)
Tasso di crescita: 3,05
(?)
Tasso di natalità: 38,65
(?)
Tasso di mortalità: 6,98

Media dell'area geografica: 5.1422222455343 (su un totale di 18 stati)

(?)
Tasso di mortalità infantile femminile: 53,20
(?)
Tasso di mortalità infantile maschile: 63,80
(?)
Tasso di fecondità totale: 5,48
(?)
Rapporto tra i sessi: 101,29
(?)
Rapporto tra i sessi alla nascita: 1,05
(?)
Età mediana: 17,42
(?)
Aspettativa di vita maschile: 62,52
(?)
Aspettativa di vita femminile: 65,36

Indice di sviluppo umano

(?)
Posizione / 179: 160

Indicatori economici

(?)
PIL - Prezzi Correnti (miliardi $ USA): 33,76
(?)
PIL - Parità di Potere d'Acquisto (miliardi $ USA): 57,97
(?)
Tasso di crescita annua: -10,50
(?)
PIL pro capite - Prezzi Correnti ($ USA): 1.343,33
(?)
PIL pro capite - Parità di Potere d'Acquisto ($ USA): 2.306,66
(?)
Valore aggiunto settore primario (% sul PIL): 8
(?)
Valore aggiunto settore secondario (% sul PIL): 29
(?)
Valore aggiunto settore terziario (% sul PIL): 63
(?)
Bilancia dei pagamenti (milioni di $ USA): -1029
(?)
Spesa statale per sanità (%): 4
(?)
Spesa statale per istruzione (%): 22
(?)
Spesa statale per difesa (%): 19
(?)
Tasso di corruzione: 23
(?)
Debito pubblico (%/PIL): 39,15
(?)
Tasso di inflazione : 23,17
(?)
Tasso di disoccupazione: 0,00
(?)
Debito estero (milioni di $): 6.417,66
(?)
Saldo migratorio: -135000
(?)
Rnld pro capite - Prezzi Correnti ($ USA): 1070
(?)
Rnld pro capite - Parità di Potere d'Acquisto ($ USA): 2170
(?)
Popolazione sotto la soglia della povertà assoluta (%): 18

Indicatori socio-sanitari

(?)
Vaccinazioni EPI finanziate dal Governo (%): 20
(?)
Tasso diffusione HIV (stima) : 0,00
(?)
Diffusione contraccettivi (%): 28
(?)
Diffusione assistenza prenatale (%): 47
(?)
Assistenza specializzata al parto (%): 36
(?)
Tasso di mortalità materna: 210
(?)
Accesso fonti migliorate di acqua potabile (% urbana): 72
(?)
Accesso fonti migliorate di acqua potabile (% rurale): 57
(?)
Accesso fonti migliorate di acqua potabile (% totale): 62
(?)
Accesso impianti igienici adeguati (% urbana): 94
(?)
Accesso impianti igienici adeguati (% rurale): 33
(?)
Accesso impianti igienici adeguati (% totale): 52

Istruzione

(?)
Tasso di alfabetizzazione femminile (15-24 anni): 72
(?)
Tasso di alfabetizzazione maschile (15-24 anni): 96
(?)
Tassi iscrizione scuola primaria femminile: 66
(?)
Tasso iscrizione scuola primaria maschile: 80
(?)
Tasso frequenza scuola primaria femminile: 64
(?)
Tasso frequenza scuola primaria maschile: 75
(?)
Tasso frequenza scuola secondaria femminile: 27
(?)
Tasso frequenza scuola secondaria maschile: 48

Comunicazioni

(?)
Tasso di libertà di stampa: 69,22
(?)
Numero linee telefoniche ogni 100 abitanti: 4,33
(?)
Utenti telefonia mobile ogni 100 abitanti: 47,05
(?)
Numero reti televisive: 3
(?)
Utenti internet ogni 100 abitanti: 14,91

Trasporti

(?)
Aeroporti:

57

(?)
Densità stradale (km/100 km²):

 

(?)
Densità ferroviaria (km/ 100 Km²):

-

(?)
Porti:

2