conosci

Paesi | Asia | Asia occidentale | Georgia

Carta d'identità

Bandiera:
Capitale: T'bilisi
Superficie (km²): 69700
Densità (ab/km²): 64
Forma di governo: Repubblica
Sito ufficiale del Governo: http://government.gov.ge/
Data dell'indipendenza: 9 aprile 1991
Indipendenza da: Unione Sovietica
Moneta: Coupon
Membership:

ACCT (osservatore), ADB, BSEC, CE, CIS, EAPC, EBRD, FAO, GCTU, GUAM, IAEA, IBRD, ICAO, ICC, ICCt, ICRM, IDA, IFAD, IFC, IFRCS, ILO, IMF, IMO, Interpol, IOC, IOM, IPU, ISO (corrispondente), ITSO, ITU, ITUC, MIGA, OAS (osservatore), OIF (osservatore), OPCW, OSCE, PFP, SECI (osservatore), UN, UNCTAD, UNESCO, UNIDO, UNWTO, UPU, WCO, WFTU, WHO, WIPO, WMO, WTO

Spazio fisico

Testo completo:

Morfologia e clima. Il territorio, prevalentemente montuoso, si distende a nord sul versante meridionale del Grande Caucaso e a sud sul Piccolo Caucaso. Tra le due catene, al centro del Paese, si allarga a ovest la pianura (antica Colchide) del fiume Rioni, che sfocia nel Mar Nero, mentre a est corre la valle del fiume Kura, che si avvia al Mar Caspio attraverso l'Azerbaigian. Altri fiumi importanti, tutti assai ricchi di acque in tutte le stagioni, sono l'Inguri, il Kodori e il Coroh . Il clima, di tipo subtropicale nella fascia costiera occidentale, diventa rigido sui versanti montuosi, ricoperti da un fitto manto di foreste, ed è caldo e secco nelle zone steppiche orientali.

Ambiente umano

Testo completo:

Nella composizione della popolazione sono rappresentate numerose etnie: oltre ai Georgiani (70% ca.), vi sono infatti Armeni , Russi, Azerbaigiani, Osseti, Greci, Abhasi , Ebrei, Curdi , Ucraini e altri (tra cui i Coreani discendenti dai deportati del 1937). Gravi conflitti interni sono sorti dai tentativi separatisti dell'Abhasia e dell'Ossezia Meridionale, che vuole congiungersi con l'Ossezia Settentrionale (compresa nella Russia). Le operazioni di 'pulizia etnica' attuate in Abhasia contro i georgiani hanno provocato flussi di profughi.

Aspetti economici

Testo completo:

L'agricoltura rappresenta una delle principali risorse producendo, nella fascia costiera, tabacco, agrumi, uva, tè. Si pratica poi l'allevamento, lo sfruttamento delle foreste e quello del sottosuolo (manganese, estratto dal giacimento di Ciatura; carbone a Tkvarceli; barite, piombo, zinco, bentonite, rame e lignite). Le industrie, favorite dalla disponibilità di energia elettrica, sono sviluppate soprattutto nel campo della siderurgia, della chimica e della petrolchimica, della meccanica, del legno e dell'alimentazione. Esse sono concentrate nella capitale e nelle città di Kutaisi, Zestafoni, Chinvali, Poti, Rustavi e Batumi, quest'ultima stazione terminale dell'ole odotto proveniente da Baku sul Mar Caspio. Su questa economia apparentemente fiorente si sono andati a innescare, dopo l'indipendenza, gravi problemi di tipo etnico e politico che hanno provocato una forte instabilità del Paese; da un lato, infatti, le rivendicazioni indipendentiste dell'Ossezia Meridionale e dell'Abhasia hanno inasprito i rapporti con la Russia e soprattutto hanno fatto affluire da queste zone numerosi profughi; dall'altro, invece, la violenta rivolta armata degli anni 1992-93, servita a estromettere il presidente Gamsakhurdia accusato di mire autoritarie, ha sconvolto il Paese. Nel 1994, inoltre, si è raggiunto il momento più difficile per la Georgia che ha visto cadere la sua produzione industriale del 40%. Nonostante l'avvio di alcune riforme (privatizzazione delle industrie e delle terre, liberalizzazione dei prezzi) i risultati tardano ad arrivare e un terzo della popolazione vive sotto la soglia di povertà.

Storia

Testo completo:

Dalle origini all'indipendenza.

Anticamente la Georgia fu terra di gruppi di Assiri, Armeni e Cimmeri. Il Paese fu in seguito soggetto alla sovranità nominale degli Achemenidi, ma le funzioni di comando erano esercitate da una moltitudine di piccoli signori locali, distribuiti in due regni, uno occidentale (detto Colchide o Lasica) e l'altro orientale (chiamato Iberia). La regione era ritenuta assai ricca dai Greci, che avevano situato nella Colchide la leggenda del vello d'oro, e più tardi dai Romani: in realtà aveva un po' d'oro in Colchide e di stagno in Iberia.

Occupata da un generale macedone durante la spedizione di Alessandro Magno verso la Persia, poco più tardi fu sede di un regno creato dal georgiano-persiano Farnavazi (o Farnabazo) in Iberia. I discendenti di questi regnarono sino al 93 a. C., quando i Georgiani chiamarono sul trono un armeno della dinastia degli Arsacidi. Nel 63 a. C. i Romani si impadronirono della Colchide e anche la parte orientale della Georgia, pur rimanendo indipendente, dovette accettare la protezione di Roma. Saliti al trono persiano i Sassanidi (226 d. C.), l'influenza della Persia si fece di nuovo sentire; probabilmente persiano era il re Miriani (fine sec. III), sotto il quale sembra abbia avuto inizio la conversione al cristianesimo della Georgia. Il regno di Iberia nell'anno divenne cristiano nel 337 d. C. e la Georgia fu il secondo Paese cristianizzato dopo l'Armenia (310 d. C.). L'elemento religioso portò a un avvicinamento tra la Georgia e Bisanzio, ma la Persia conservò un certo predominio almeno sino alla metà del sec. V, quando Vachtang Gurgaslani (450-503) approfittò di una crisi politica della Persia per conquistare gran parte dell'attuale Georgia e governare il Paese da T'bilisi (Tiflis), che verso la fine del sec. VI divenne ufficialmente la capitale del regno.

Dal sec. VI Persiani e Bizantini si affrontarono duramente sul terreno georgiano, mirando alle buone posizioni strategiche del Caucaso, finché tra i due contendenti avanzarono gli Arabi (630), che si impossessarono del Paese, pur lasciando ai principi locali una certa libertà di azione. Nel 654 T'bilisi divenne sede di un emirato. Nel sec. VIII iniziò l'ascesa dei Bagratidi; il regno di Bagrati III (975-1014) unificava quasi tutta la Georgia, riuniendo la parte orientale a quella occidentale. Nel sec. XI i Bagratidi lottarono contro Bisanzio, contro i sudditi ribelli e soprattutto contro i Turchi Selgiuchidi. Nel 1080 Giorgio II si arrese al sultano turco, ma poco dopo Davide II il Restauratore, santo e guerriero, batté Turchi e Persiani preparando alla sua dinastia un avvenire glorioso.

Con la regina Tamara (1184-1213), la civiltà georgiana raggiunse il suo apogeo, per poi decadere rapidamente dopo la sua morte, quando il Paese per molti anni fu soggetto a invasioni mongoliche e turche (1220-1413). Alessandro I (1412-43) dominò ancora su una Georgia unita, ma dopo di lui il Paese, diviso fra i suoi tre figli, non ritrovò più la sua unità. I tre regni – Imerethi, Kachethi e Khartli –, dilaniati spesso da lotte interne, subirono la pressione di Persiani e Ottomani. Sconfitti dai Georgiani e poi dai Persiani (1733) gli Ottomani si ritirarono per primi mentre, sino alla fine del sec. XVIII, il Paese rimaneva sotto il dominio persiano. Chiesto appoggio presso lo zar, i re georgiani finirono con provocare l'annessione della Georgia alla Russia (1801), che per anni tentò di penetrare in Georgia.

Nel sec. XIX la Georgia seguì le vicende della Russia: il russo divenne la lingua ufficiale e la Chiesa georgiana dovette sottomettersi alle decisioni dei vescovi ortodossi. La riforma agraria vi fu effettuata più lentamente che in Russia: nel 1864 ci fu la liberazione dei contadini georgiani, con tre anni di ritardo rispetto a quella dei servi della gleba. Con lo sviluppo della ferrovia e dell'economia in generale vennero a crearsi movimenti nazionalisti e libertari, cosicchè nel 1902 il georgiano J. Stalin diventò membro del Partito Social Democratico, fondato nel 1893 illegalmente.

Popolazione

(?)
Popolazione totale: 4352244
(?)
Popolazione urbana (%): 52,83
(?)
Gruppi etnici:

georgiani 83,8%, azeri 6,5%, armeni 5,7%, russi 1,5%, altri 2,5% (2002)

(?)
Lingue:

georgiano 71% (ufficiale), russo 9%, armeno 7%, azero 6%, altre 7%

L' Abkaso è la lingua ufficiale in Abkhazia.

(?)
Religioni:

cristiani ortodossi 83,9%, musulmani 9,9%, armeni gregoriani 3,9%, cattolici 0,8, altre 0,8%, nessuna 0,7% (2002)

Demografia

(?)
Tasso di crescita: -0,57
(?)
Tasso di natalità: 12,17
(?)
Tasso di mortalità: 11,02

Media dell'area geografica: 5.1422222455343 (su un totale di 18 stati)

(?)
Tasso di mortalità infantile femminile: 31,70
(?)
Tasso di mortalità infantile maschile: 37,00
(?)
Tasso di fecondità totale: 1,58
(?)
Rapporto tra i sessi: 89,04
(?)
Rapporto tra i sessi alla nascita: 1,11
(?)
Età mediana: 37,33
(?)
Aspettativa di vita maschile: 69,36
(?)
Aspettativa di vita femminile: 76,50

Indice di sviluppo umano

(?)
Posizione / 179: 72

Indicatori economici

(?)
PIL - Prezzi Correnti (miliardi $ USA): 14,35
(?)
PIL - Parità di Potere d'Acquisto (miliardi $ USA): 24,54
(?)
Tasso di crescita annua: 7,00
(?)
PIL pro capite - Prezzi Correnti ($ USA): 3.210,30
(?)
PIL pro capite - Parità di Potere d'Acquisto ($ USA): 5.491,00
(?)
Valore aggiunto settore primario (% sul PIL): 9
(?)
Valore aggiunto settore secondario (% sul PIL): 23
(?)
Valore aggiunto settore terziario (% sul PIL): 67
(?)
Bilancia dei pagamenti (milioni di $ USA): -1688
(?)
Spesa statale per sanità (%): 5
(?)
Spesa statale per istruzione (%): 7
(?)
Spesa statale per difesa (%): 17
(?)
Tasso di corruzione: 52
(?)
Debito pubblico (%/PIL): 0,00
(?)
Tasso di inflazione : 2,04
(?)
Tasso di disoccupazione: 15,06
(?)
Debito estero (milioni di $): 11.123,80
(?)
Saldo migratorio: -150000
(?)
Rnld pro capite - Prezzi Correnti ($ USA): 2860
(?)
Rnld pro capite - Parità di Potere d'Acquisto ($ USA): 5350
(?)
Popolazione sotto la soglia della povertà assoluta (%): 15

Indicatori socio-sanitari

(?)
Vaccinazioni EPI finanziate dal Governo (%): 80
(?)
Tasso diffusione HIV (stima) : 0,10
(?)
Diffusione contraccettivi (%): 53
(?)
Diffusione assistenza prenatale (%): 98
(?)
Assistenza specializzata al parto (%): 100
(?)
Tasso di mortalità materna: 48
(?)
Accesso fonti migliorate di acqua potabile (% urbana): 100
(?)
Accesso fonti migliorate di acqua potabile (% rurale): 96
(?)
Accesso fonti migliorate di acqua potabile (% totale): 98
(?)
Accesso impianti igienici adeguati (% urbana): 96
(?)
Accesso impianti igienici adeguati (% rurale): 93
(?)
Accesso impianti igienici adeguati (% totale): 95

Istruzione

(?)
Tasso di alfabetizzazione femminile (15-24 anni): 100
(?)
Tasso di alfabetizzazione maschile (15-24 anni): 100
(?)
Iscritti scuola primaria che raggiungono il 5° anno : 95
(?)
Tasso frequenza scuola primaria femminile: 95
(?)
Tasso frequenza scuola primaria maschile: 94
(?)
Tasso frequenza scuola secondaria femminile: 88
(?)
Tasso frequenza scuola secondaria maschile: 89

Comunicazioni

(?)
Tasso di libertà di stampa: 30,09
(?)
Numero linee telefoniche ogni 100 abitanti: 31,07
(?)
Utenti telefonia mobile ogni 100 abitanti: 102,31
(?)
Numero reti televisive: 12
(?)
Utenti internet ogni 100 abitanti: 36,56

Trasporti

(?)
Aeroporti:

22

(?)
Densità stradale (km/100 km²):

27,42

(?)
Densità ferroviaria (km/ 100 Km²):

2,3

(?)
Porti:

2

Personaggi

Anita Rachvelishvili, è una cantante lirica mezzo soprano di 25 anni che, dopo aver debuttato al Teatro la Scala di Milano interpretando Carmen di Bizet, ricevendo 14 minuti di applausi, ora è corteggiatissima dai maggiori teatri al mondo