conosci

Paesi | Americhe | Caraibi | Giamaica

Carta d'identità

Bandiera:
Capitale: Kingston
Superficie (km²): 10990
Densità (ab/km²): 244
Forma di governo: Democrazia Parlamentare
Sito ufficiale del Governo: http://www.jis.gov.jm/
Data dell'indipendenza: 6 Agosto 1962
Indipendenza da: Regno Unito
Moneta: Dollaro giamaicano
Membership:

ACP, C, Caricom, CDB, FAO, G-15, G-77, IADB, IAEA, IBRD, ICAO, ICCt (firmatario), ICRM, IFAD, IFC, IFRCS, IHO, ILO, IMF, IMO, Interpol, IOC, IOM, ISO, ITSO, ITU, LAES, MIGA, NAM, OAS, OPANAL, OPCW, UN, UNCTAD, UNESCO, UNIDO, UNWTO, UPU, WCO, WFTU, WHO, WIPO, WMO, WTO

Spazio fisico

Testo completo:

Morfologia. Strutturalmente l'isola di Giamaica costituisce uno dei tratti emersi della grande dorsale caraibica che in direzione est-ovest allaccia la zona istmica dell'Honduras orientale all'isola di Hispaniola, dove la penisola di Tiburon rappresenta il prolungamento dei rilievi giamaicani. L'isola è in complesso montuosa benché in genere priva di asperità; la prevalente morfologia è data dal vasto altopiano che l'occupa per la quasi totalità, sovrastato da una serie di brevi catene essenzialmente formate da calcari del Mesozoico e del Cenozoico. Le massime elevazioni si aggirano sugli 800-900 m (Mount Diablo, 838 m; Mount Denham, 986 m), ma nella sezione orientale dell'isola la catena delle Blue Mountains s'innalza con ripidi versanti sino ai 2.256 m dell'omonimo picco. Tra le catene s'interpongono brevi pianure alluvionali, che si allargano nella parte meridionale della Giamaica, dove si affacciano su coste basse, sovente orlate da lagune e incise da piccole baie; in più punti le formazioni coralline affiorano da un mare assai caldo e poco profondo. Le coste settentrionali invece sono in genere alte e rettilinee e si immergono rapidamente nella Fossa delle Cayman (profondità massima 7.680 m).

 

Clima e flora. Attraversata dal 18° parallelo nord, l'isola ha un clima spiccatamente tropicale, con temperature assai elevate tutto l'anno: Kingston, sulla costa sud-orientale, ha una media annua di oltre 26 °C, passando dalla media di gennaio di 25 °C a quella di luglio di 27 °C. Gli eccessi termici sono però mitigati dall'altitudine: a Hill Gardens, posta a 1.498 m sulle Blue Mountains, le medie invernale ed estiva scendono rispettivamente a 15 °C e a 18 °C. Le precipitazioni, particolarmente copiose nei mesi di maggio-giugno e di settembre-novembre, sono assai elevate, aggirandosi sui 1.800 mm annui; si hanno tuttavia marcate disparità tra la sezione orientale dell'isola, investita dall'aliseo di nord-est dove, sui versanti montuosi più esposti, cadono 5.000-6.000 mm, e la protetta costa meridionale, che ne riceve anche meno di 1.000 (786 mm a Kingston). Le differenze pluviometriche hanno determinato una certa varietà nell'ambiente vegetale, che ha subito altresì notevoli modificazioni con il progressivo estendersi delle colture di piantagione. Savane e boscaglie prevalgono nelle aree meno irrorate, mentre la bella foresta tropicale si accompagna alle più copiose precipitazioni; una fitta frangia di mangrovie orla le coste.

 

Idrografia. L'isola è caratterizzata da corsi d'acqua brevi e impetuosi, sovente interrotti da rapide e cascate; solo il Black River, che sfocia nella costa meridionale, come in genere gli altri principali fiumi giamaicani essendo lo spartiacque spostato verso nord, è parzialmente navigabile. Assai attiva è la circolazione sotterranea, data la prevalenza delle rocce calcaree, ed estesi in genere sono i fenomeni carsici.

Ambiente umano

Testo completo:

Popolamento ed etnia. Gli originari abitanti della Giamaica, gli Aruachi, furono decimati durante l'occupazione spagnola dell'isola; i sopraggiunti europei non furono però mai numerosi. Il grande popolamento si ebbe sotto gli Inglesi, che fecero affluire in misura sempre più rilevante schiavi negri dall'Africa, adibendoli ai lavori nelle piantagioni; si calcola che in cento anni, dal 1680 al 1780, giunsero in Giamaica 600.000 Africani. Attualmente i negri e i meticci costituiscono il 97,3% della popolazione; si hanno poi minoranze di Asiatici (Indiani, Cinesi) e di Europei. L'isola è densamente popolata (235 abitanti/km 2 ), non tanto però come altre terre antillane, e del pari il coefficiente d'incremento annuo della popolazione, dell'0,7% (1985-90), è molto più basso dei valori medi centro e sudamericani. La distribuzione degli abitanti è piuttosto irregolare; le aree più popolate sono le ricche piane meridionali, che fanno capo a Kingston, a Spanish Town e a May Pen, e la fascia costiera nord-occidentale attorno a Montego Bay.

 

Centri urbani. Negli ultimi anni la popolazione urbana ha registrato notevoli aumenti; nel 1963 era il 30%, nel 1982 il 46,3%, nel 1986 il 49,1%. Unica metropoli è però la capitale, Kingston (660.000 abitanti l'agglomerato urbano, comprendente anche varie cittadine satelliti tra cui Saint Andrew); centro portuale e aeroportuale fiorente di attività economiche diverse, commerciali, manifatturiere ecc., svolge anche un'importante funzione culturale in quanto sede dell'Università delle Indie Occidentali. La città è collegata per ferrovia a Montego Bay , secondo centro del Paese, anch'esso con un vivace traffico portuale. Conserva una pittoresca atmosfera spagnola la cittadina di Spanish Town, fondata probabilmente da Diego Colombo nel 1523 e rimasta dal 1535 al 1872 capoluogo dell'isola.

Aspetti economici

Testo completo:

Cospicue risorse minerarie (è tra i primi produttori mondiali di bauxite) e agricole favoriscono la Giamaica, occupa una buona posizione nell'ambito dell'area centroamericana. La struttura economica dell'isola è tuttavia fragile, in larga misura d'impronta coloniale e dipendente dagli interessi stranieri, soprattutto statunitensi; ancora più grave è la situazione sociale, caratterizzata da violente tensioni tra l'esigua minoranza bianca, che detiene il potere, i meticci, classe media più o meno inserita nel sistema produttivo, e specialmente i numerosi negri, un proletariato inquieto sui cui grava il peso di una cronica e altissima disoccupazione, in taluni anni pari anche al 30% della forza lavoro.

 

Agricoltura. L'agricoltura, che un tempo costituiva la base economica della Giamaica, è passata in secondo piano grazie allo sviluppo dell'attività mineraria e all'espansione del turismo (rappresenta tuttavia pur sempre un settore di rilievo); arativo e colture arborescenti ricoprono quasi 1/4 della superficie territoriale. In particolare sono rilevanti alcuni prodotti di piantagione, principalmente la canna da zucchero, che da sola occupa circa il 15% della superficie posta a coltura e dalla quale si ricava oltre allo zucchero, un pregiatissimo rhum, e le banane; altre colture commerciali sono il tabacco, il caffè, il cacao, gli agrumi, la palma da cocco (che, diffusa nelle zone settentrionali, fornisce copra di ottima qualità) e varie spezie, tra cui lo zenzero e il pimento o pepe di Giamaica, pressoché esclusivo dell'isola. Deficitario è invece il settore agricolo destinato all'alimentazione locale, basata su cereali, patate, patate dolci, manioca ecc., sicché si deve ricorrere a cospicue importazioni. Del tutto trascurato è lo sfruttamento delle foreste, che pure coprono il 16,9% della superficie territoriale e sono ricche di essenze pregiate; sono altresì scarsamente praticate sia l'attività zootecnica (prevalgono bovini, caprini, suini) sia la pesca, che tuttavia fornisce aragoste molto pregiate.

 

Industria. La vera ricchezza del Paese sono comunque - come si è detto - i giacimenti di bauxite (gigantesco quello di Ocho Rios, nella Giamaica settentrionale). Le difficoltà incontrate sul mercato da bauxite e da canna da zucchero hanno di conseguenza causato una forte crisi economica. Va segnalato che accanto ai tradizionali settori, legati alla trasformazione dei prodotti agricoli (zuccherifici, oleifici, manifatture di tabacchi, birrifici, conservifici, distillerie di rhum ecc.), il Paese annovera oggi vari impianti per la produzione di allumina, stabilimenti tessili, chimici e petrolchimici, un importante cementificio, una fabbrica di pneumatici ecc.

 

Comunicazioni. Le vie di comunicazione si avvalgono di una buona rete stradale, che congiunge i principali centri, e di una ferrovia (ca. 300 km) che raccorda la capitale con Montego Bay e con gli altri maggiori porti della costa settentrionale. Sviluppati sono anche i collegamenti aerei (compagnia di bandiera è la Air Jamaica ), che fanno capo agli aeroporti internazionali di Kingston e di Montego Bay. Kingston, al riparo di una delle più belle baie del mondo, è anche il massimo scalo marittimo giamaicano; altri porti attrezzati sono Port Kaiser sulla costa meridionale, Ocho Rios e Port Antonio su quella settentrionale.

 

Commercio. Vivace è il commercio estero, che si svolge soprattutto con gli Stati Uniti (ca. 1/3 del totale), seguiti dalla Gran Bretagna, dal Venezuela e dal Canada; un certo incremento stanno però registrando gli scambi tra la Giamaica e gli altri membri del CARICOM, il Mercato Comune dei Paesi Caraibici, nel cui ambito la Giamaica sta cercando di imporsi come fornitrice di prodotti agricoli e industriali. Le esportazioni riguardano prevalentemente allumina, bauxite, zucchero e banane, mentre le importazioni sono rappresentate in prevalenza da carburanti, manufatti vari, prodotti alimentari, macchinari e mezzi di trasporto ecc.; l'interscambio denuncia un deficit cronico, dell'ordine medio del 20%. Il deficit della bilancia commerciale è però coperto dai rilevanti apporti del turismo, che è, dopo la bauxite, la maggiore fonte valutaria giamaicana: nel 1989 l'apporto turistico è stato fornito da oltre 1,1 milioni di visitatori attirati da un clima mitissimo e dalle bellezze naturali, cui si aggiunge un'ottima attrezzatura alberghiera.

Storia

Testo completo:

Scoperta da C. Colombo nel 1494, colonia spagnola, l'isola passò sotto dominio inglese in seguito al trattato di Madrid (1670). La presenza di numerosi schiavi di origine africana e le dure condizioni di vita provocarono numerose rivolte tra i secc. XVII e XIX. Nel 1944 fu concessa una prima forma di governo autonomo, ampliata nel 1957 e seguita dall'indipendenza (1962). Al potere si sono alternati da allora i laburisti conservatori (sino al 1982) e il Partito Nazionale del Popolo, di tendenze progressiste. L'impulso dato dall'esportazione di bauxite e dall'esplosione del turismo non è stata sufficiente a superare una condizione di cronica arretratezza, aggravata dalla presenza nell'isola di forti interessi legati al narcotraffico, per combattere il quale il premier progressista P. Patterson (poi rieletto nel 1998) ha sottoscritto nel 1997 un accordo con gli USA. Nel 2006 Patterson annunciava le dimissioni e al suo posto veniva nominata premier Portia Simpson Miller, presidente del Partito popolare, al governo, e in precedenza ministro per le Amministrazioni locali, lo sviluppo e lo sport.

Popolazione

(?)
Popolazione totale: 2741052
(?)
Popolazione urbana (%): 52,03
(?)
Gruppi etnici:

Neri 91,2%, Misti 6,2%, altri 2,6%

(?)
Lingue:

Inglese, Patois inglese

(?)
Religioni:

Avventisti del settimo giorno 10,8%, Pentecostali 9,5%, altra Chiesa di Dio 8,3%, Battisti 7,2%, Chiesa del Nuovo Testamento 6,3%, Chiesa di Dio in Giamaica 4,8%, Chiesa di Dio della Profezia 4,3%, Anglicani 3,6%, altri Cristiani 7,7%, Cattolici 2,6%, altre o non specificate 14,2%, nessuna 20,9%

Demografia

(?)
Tasso di crescita: 0,44
(?)
Tasso di natalità: 19,12
(?)
Tasso di mortalità: 7,37

Media dell'area geografica: 5.5238461127648 (su un totale di 13 stati)

(?)
Tasso di mortalità infantile femminile: 12,50
(?)
Tasso di mortalità infantile maschile: 14,60
(?)
Tasso di fecondità totale: 2,40
(?)
Rapporto tra i sessi: 96,89
(?)
Rapporto tra i sessi alla nascita: 1,05
(?)
Età mediana: 27,04
(?)
Aspettativa di vita maschile: 69,57
(?)
Aspettativa di vita femminile: 74,97

Indice di sviluppo umano

(?)
Posizione / 179: 85

Indicatori economici

(?)
PIL - Prezzi Correnti (miliardi $ USA): 14,49
(?)
PIL - Parità di Potere d'Acquisto (miliardi $ USA): 24,56
(?)
Tasso di crescita annua: 0,00
(?)
PIL pro capite - Prezzi Correnti ($ USA): 5.266,65
(?)
PIL pro capite - Parità di Potere d'Acquisto ($ USA): 8.927,56
(?)
Valore aggiunto settore primario (% sul PIL): 7
(?)
Valore aggiunto settore secondario (% sul PIL): 22
(?)
Valore aggiunto settore terziario (% sul PIL): 72
(?)
Bilancia dei pagamenti (milioni di $ USA): -1697
(?)
Spesa statale per sanità (%): 6
(?)
Spesa statale per istruzione (%): 17
(?)
Spesa statale per difesa (%): 2
(?)
Tasso di corruzione: 38
(?)
Debito pubblico (%/PIL): 0,00
(?)
Tasso di inflazione : 6,01
(?)
Tasso di disoccupazione: 12,80
(?)
Debito estero (milioni di $): 14.349,90
(?)
Saldo migratorio: -100000
(?)
Popolazione sotto la soglia della povertà assoluta (%): 0

Indicatori socio-sanitari

(?)
Vaccinazioni EPI finanziate dal Governo (%): 100
(?)
Tasso diffusione HIV (stima) : 1,70
(?)
Diffusione contraccettivi (%): 69
(?)
Diffusione assistenza prenatale (%): 99
(?)
Assistenza specializzata al parto (%): 98
(?)
Tasso di mortalità materna: 89
(?)
Accesso fonti migliorate di acqua potabile (% urbana): 98
(?)
Accesso fonti migliorate di acqua potabile (% rurale): 89
(?)
Accesso fonti migliorate di acqua potabile (% totale): 94
(?)
Accesso impianti igienici adeguati (% urbana): 82
(?)
Accesso impianti igienici adeguati (% rurale): 84
(?)
Accesso impianti igienici adeguati (% totale): 83

Istruzione

(?)
Tasso di alfabetizzazione femminile (15-24 anni): 98
(?)
Tasso di alfabetizzazione maschile (15-24 anni): 92
(?)
Tassi iscrizione scuola primaria femminile: 79
(?)
Tasso iscrizione scuola primaria maschile: 82
(?)
Tasso frequenza scuola primaria femminile: 98
(?)
Tasso frequenza scuola primaria maschile: 97
(?)
Tasso iscrizione scuola secondaria femminile: 79
(?)
Tasso iscrizione scuola secondaria maschile: 75
(?)
Tasso frequenza scuola secondaria femminile: 93
(?)
Tasso frequenza scuola secondaria maschile: 89

Comunicazioni

(?)
Tasso di libertà di stampa: 9,88
(?)
Numero linee telefoniche ogni 100 abitanti: 9,89
(?)
Utenti telefonia mobile ogni 100 abitanti: 108,12
(?)
Numero reti televisive: 7
(?)
Utenti internet ogni 100 abitanti: 31,50

Trasporti

(?)
Aeroporti:

27

(?)
Densità stradale (km/100 km²):

201,28

(?)
Densità ferroviaria (km/ 100 Km²):

-

(?)
Porti:

5

Popoli

Gli Arawak (Aruachi in italiano), conosciuti anche come Arahuacos o Aruacos (da aru, ovvero fiore di manioca) sono i popoli che abitavano i Caraibi prima dell’arrivo di Cristoforo Colombo. Gli Arawak appartengono alla famiglia linguistica Arawakan (la lingua arawak è a rischio di estinzione).

Tra questi popoli si distinsero:

 

  • i Taino che si erano stanziati nelle Grandi Antille (Cuba, Giamaica, Haiti, Rep. Dominicana) tra cui i Lucayan alle Bahamas e i Bimini in Florida.
  • i Nepoya e i Suppoyo nell'isola di Trinidad
  • gli Igneri, che si pensa avessero preceduto i Caribi nelle Piccole Antille (Antigua e Barbuda, St. Kitts e Nevis, Dominica, St. Lucia, St. Vincent e Grenadine, Grendada, Barbados), assieme ad altre etnie, tra cui i Lokono (autodefinizione di Arawak), che si erano stabiliti lungo le coste orientali dell'America meridionale fino ai confini dell'attuale Brasile

Il nome Maroon deriva dallo spagnolo "cimarron" che significa "che vive sulle cime delle montagne". Venivano così definiti gli schiavi africani che riuscivano a fuggire dalle piantagioni e che andavano a rifugiarsi sulle montagne; in Giamaica, i maroon si unirono alle popolazioni arawak e miskito

Le tradizioni e i costumi dei popoli della Giamaica sono fortemente ancorati alle origini africane (in particolare, Ibo provenienti dal delta del Niger, Kramanti/Ashanti-Fanti della Costa d'Oro e Mandingo dell'Africa occidentale, tramite i quali è giunto sull'isola l'Islam)

Territori urbani

Kingston

Kingston è la capitale e la maggiore città della Giamaica (leggi un itinerario storico nella città spagnola); fondata nel 1962 dopo che l’antica capitale Port Royal venne distrutta da un terremoto, la città è diventata il cuore dell’isola e il suo centro culturale e commerciale

Trenchtown (1)

Baraccopoli

 

Trenchtown (2)

Edilizia popolare

Trenchtown è un quartiere "ghetto" di Kingston, famoso per essere il luogo dove sono nati e/o vissuti personaggi famosi come Bob Marley

Altre città importanti della Giamaica sono Ocho Rios, Negril e Montego Bay

Territori rurali

Sicurezza alimentare 

Avere la “sicurezza alimentare” significa poter disporre sempre degli alimenti necessari per condurre una vita attiva e sana; si basa su tre pilastri: disponibilità, accessibilità, e utilizzo degli alimenti

Le piantagioni di canna da zucchero (detta "zafra") e di caffé caratterizzano i paesaggi agricoli giamaicani; guarda il video sulla tostatura tradizionale del caffè

Attraverso un progetto di sviluppo innovativo, la FAO intende aiutare i paesi dei Caraibi a sfruttare le possibilità della liberalizzazione per migliorare la sicurezza alimentare

Flora, fauna e attività umane

FLORA

Dalla Pimenta dioica, un albero sempreverde originario della Giamaica, si ricava il pepe giamaicano o pepe garofanato

Il Guaiaco (conosciuto anche come Lignum vitae, l'albero della vita) e il Mahoe blu (Hibiscus elatus) sono specie endemiche dell'isola e simboli della nazione

FAUNA

Il Trochilus polytmus, è l'animale nazionale; è un caratteristico uccello dalla lunga coda

Leggi la storia del gobbo della Giamaica (Oxyura jamaicensis), originario delle Americhe, in lotta con il gobbo rigginoso (Oxyura leucocephala): entrambi a rischio...

Giochi

Il gioco del domino è molto popolare tra i giamaicani

La prima squadra nazionale giamaicana di bob entrò nella storia quando fece la sua clamorosa comparsa alle Olimpiadi invernali del 1988 a Calgary (sito ufficiale, in inglese). Il quartetto fu immortalato nel film della Disney, Cool Runnings - Quattro sottozero

I Giochi panamericani sono, dopo quelli olimpici, la maggiore manifestazione sportiva multi-disciplinare in termini di nazioni partecipanti: organizzati ogni quattro anni, nell'anno precedente quello delle Olimpiadi, vedono in competizione atleti dei paesi del continente americano. Fra gli sport rappresentati ve ne sono alcuni tipicamente latino-americani, come ad esempio la palla basca

Feste

Numerosi sono i festival musicali e culturali organizzati sull'isola:

Monete e banconote

Il dollaro giamaicano è la valuta della Giamaica dal 1969

Arte tradizionale e moderna

La Giamaica, in particolare la sua capitale Kingston, può essere considerata uno dei centri dell’arte caraibica

Leggi alcuni elementi della storia dell'arte giamaicana

Edna Manley (di padre inglese e madre giamaicana, 1900-1987), pittrice e scultrice, ha dato un grande impulso all'arte giamaicana (guarda alcune opere)

Musiche e danze

Nella storia della musica giamaicana è evidente l'apporto africano, mescolato ad elementi europei e, in special modo, inglesi

Il mento è un genere musicale popolare di origine giamaicana che ha influenzato il reggae e lo ska; il mento è spesso confuso con il calypso; il mento trae origine dal junkanoo, basato sulla quadriglia (danza europea)

La Dancehall (chiamata anche Dancehall reggae o Bashment) è un sottogenere della musica reggae sviluppatosi attorno al 1979 in Giamaica; il suo protagonista principale dai primi anni '90 ad oggi, è Buju Banton (guarda i video)

Studio One Records è la più importante etichetta nella storia del Reggae e racchiude, dentro la sua storia, la gran parte della musica giamaicana, dallo Ska al Rocksteady, dal Reggae al Roots, dal Dj Syle al Lovers, dal Dub alla Dancehall. Il suo fondatore impiegò il Sound System, un impianto musicale mobile, per diffondere la musica

Fiabe e racconti

Arcipelago mangrovia. Narrativa caraibica e intercultura” è un libro di Di Gregorio Rita, Di Sapio Anna, Martinenghi Camilla nel quale i Paesi dei Caraibi sono raccontati come luogo della memoria storica, anche tragica, di mescolamento culturale, di meticciato, e non solo come spiagge bianche, palme, ibiscus, rhum e del reggae

Gli Arawak, i primi abitanti delle isole caraibiche, esistono oggi solo nel ciclo de “I corsari delle Antille”, una raccolta di romanzi per ragazzi di Emilio Salgari (scritti tra il 1898 e il 1908): Il corsaro nero; La regina dei caraibi; Jolanda, la figlia del corsaro nero; Il figlio del corsaro rosso; Gli ultimi filibustieri

Il libro “Suite caribeana” descrive le più belle avventure caraibiche di Corto Maltese, il marinaio creato nel 1967 da Hugo Pratt (fumettista veneziano, 1927 – 1995). Con il suo fascino avventuroso e travolgente, con il suo bagaglio di ironie e disillusioni, sogni e segreti, Corto va alla ricerca di tesori misteriosi o di civiltà scomparse nel nulla. Nel libro “Lontane isole del vento” sono raccolte le avventure del marinaio nelle Piccole Antille

Cibo, alimentazione e ricette

La cucina giamaicana deriva da un mix di cucina africana, spagnola ed inglese; si costituisce di piatti di carne (pollo, maiale o capra), cucinata in modo aromatico e saporito ed accompagnata da salse piccanti, riso e fagioli neri e lungo la costa di ottimo pesce

Il bammy è un pane rotondo fatto di farina di tapioca (ricavata dalla manioca) mangiato con il pesce fritto

Alcune ricette giamaicane:

Altre ricette particolari sono:

Il pepe della Giamaica (o pepe garofanato), non è pepe, bensì pimento, cioè una spezia utilizzata dagli Atzechi per insaporire la cioccolata e portato in Europa da Cristoforo Colombo; ha la caratteristica di riunire e fondere in un'unica bacca i sapori di cannella, noce moscata, chiodi di garofano e pepe (leggi la ricetta del maiale arrosto giamaicano)

Il caffé Blue Mountains è considerato uno dei migliori al mondo (leggi la storia delle origini del caffé giamaicano)

Testimonianze

Il racconto di un viaggio alla scoperta dei luoghi più caratteristici dell'isola: da Negril a Montego Bay, da Kingston a Port Royal

Il racconto del tentativo non riuscito di intervistare King Stitt (Winston George Sparkes), il padre di tutti i DJ, a Kingston dopo una visita allo Studio One

Personaggi

Bob Marley (1945-1981) è conosciuto come la leggenda del reggae (il sito ufficiale, in inglese); leggi i testi di alcune canzoni (con traduzione in italiano)

Usain Bolt

Il "fulmine spendente"

Altra leggenda giamaicana del reggae è stato Peter Tosh (1944 -1987); Mama Africa è il singolo più conosciuto fuori dalla Giamaica (guarda i video)

Tanya Stephens è la nuova donna del reggae giamaicano (leggi l'intervista)

Usain Bolt (Trelawny, 21 agosto 1986) è un atleta giamaicano, specialista nella velocità. È l'attuale campione olimpico sulla distanza dei 100 metri piani, 200 metri piani e della staffetta 4x100m, discipline di cui detiene anche i record mondiali, tutti stabiliti ai Giochi Olimpici di Pechino nel 2008

Linton Kwesi Johnson è un poeta di origine giamaicana che ha portato nei suoi versi la memoria storica del senso del luogo e dell’immaginario caraibico

Molti dei personaggi giamaicani diventati famosi, sono nati e/o cresciuti a Trenchtown, il ghetto di Kingston