conosci

Paesi | Africa | Africa orientale | Gibuti

Carta d'identità

Bandiera:
Capitale: Gibuti
Superficie (km²): 23200
Densità (ab/km²): 35
Forma di governo: repubblica
Sito ufficiale del Governo: http://www.presidence.dj/
Data dell'indipendenza: 27 giugno 1977
Indipendenza da: Francia
Moneta: franco del Gibuti
Membership:

ACCT, ACP, AfDB, AFESD, AMF, AU, COMESA, FAO, G-77, IBRD, ICAO, ICCt, ICRM, IDA, IDB, IFAD, IFC, IFRCS, IGAD, ILO, IMF, IMO, Interpol, IOC, ITU, ITUC, LAS, MIGA, MINURSO, NAM, OIC, OIF, OPCW, UN, UNCTAD, UNESCO, UNIDO, UNWTO, UPU, WCO, WFTU, WHO, WIPO, WMO, WTO

Spazio fisico

Testo completo:

Morfologia e clima. Affacciato con 370 km di coste sul Golfo di Aden, le cui acque si insinuano al centro del Paese formando la profonda insenatura del Golfo di Tadjoura, il territorio si distende in parte sulle alture del Dankali (monte più alto è il Moussa Ali, 2.010 m, al confine settentrionale) e si abbassa nella depressione (-150 m) del Lago Assal . Si tratta di una piattaforma di origine vulcanica, interrotta da grandi faglie. Più all'interno piccole piane si insinuano tra catene basaltiche. Praticamente privo di corsi d'acqua permanenti, il territorio è bagnato da piogge rare e irregolari (115-170 mm annui in media) ed è soggetto a clima molto caldo e umido: le medie sono di 40 °C (mass. 55 °C) tra maggio e settembre e di 25 °C tra ottobre e aprile, mentre l'umidità media è del 70%.

Ambiente umano

Testo completo:

La popolazione è composta per il 37% da Afar, per il 47% da Issa somali e per percentuali minori da altri Somali, Arabi ed Europei. Le condizioni di vita si possono in genere definire precarie, dal momento che il Paese porta le conseguenze del fatto di essere al centro di una delle zone più turbolenti del mondo e di possedere ben poche risorse naturali. La situazione locale già precari a è aggravata dai numerosi conflitti della regione, che spesso sconfinano nel territorio di Gibuti e provocano drammatiche invasioni di profughi.

Aspetti economici

Testo completo:

Territorio pressoché desertico, privo altresì di risorse naturali, Gibuti presenta una economia estremamente stentata, che si basa su un'agricoltura di sussistenza limitata alla costa e a piccole oasi dell'interno (legumi, cereali, datteri, agrumi) e sull'allevamento del bestiame (soprattutto ovini e caprini), praticato da pastori nomadi. L'industria, quasi inesistente, si limita a piccoli stabilimenti per la produzione di bevande, a modesti calzaturifici, ad aziende alimentari a livello artigianale. La posizione strategica del porto di Gibuti, sbocco marittimo della ferrovia per Addis Abeba (di cui circa 90 km sono in territorio gibutiano), ed una delle principali fonti di entrate valutarie per il Paese, continua tutt avia a essere un punto di riferimento fisso per gli interessi in Medio Oriente dei Paesi occidentali. Oltre alla citata ferrovia, Gibuti dispone di circa 3.000 km di strade, solo per metà transitabili tutto l'anno, nonché dell'aeroporto internazionale di Gibuti. Uniche rilevanti merci d'esportazione sono il bestiame, le pelli e il cuoio, mentre Gibuti è costretto a importare, oltre a ogni sorta di prodotti industriali (tessuti, macchinari, veicoli ecc.), forti quantitativi di generi alimentari; il defi cit commerciale è altissimo. Dalla Francia, con cui si svolge almeno il 50% dell'interscambio, giungono tuttavia cospicui aiuti.

Storia

Testo completo:

Cronologia 

Per una cronologia storica aggiornata del Gibuti, vedi la sezione Cronologia dell'Atlante di Nigrizia.

Possedimento francese dal 1862, fu incluso nella Costa francese dei Somali, che divenne nel 1967 Territorio francese degli Afar e degli Issa. Questo, che era dotato di uno statuto contemplante l'autonomia interna, era in pratica gestito dall'etnia afar, con la totale estromissione delle genti issa. La rivoluzione etiopica del 1974 ebbe riflessi diretti anche sul Territorio: la Ligue Populaire Africaine pour l'Indépendance (LPAI, etnia issa) accentuò il peso della sua opposizione. La stessa Francia, che fino all'estate del 1975 aveva mantenuto un atteggiamento di intransigenza di fronte alle istanze indipendentistiche, assunse un orientamento aperto al negoziato, al punto che Ali Aref, esponente dell'etnia afar e, come tale, presidente del Consiglio governativo, diede al suo partito, L'Union et Progrès dans l'Ensemble Français, il nuovo nome di Union Nationale pour l'Indépendance. Aref perdette, comunque, molto del suo seguito e lo stesso appoggio di Parigi, sicché la guida politica passò nelle mani della LPAI, fino ad allora all'opposizione. Nelle consultazioni elettorali del maggio del 1977 venne presentata un'unica lista, denominata Rassemblement Populaire pour l'Indépendance, che si assicurò tutti i seggi in palio. Il 27 giugno Hassan Gouled Aptidon, leader della LPAI, venne eletto presidente della nuova Repubblica, che assunse il nome di Gibuti. La Francia veniva autorizzata a mantenere una base militare nel Paese. Nel 1979 Aptidon annunciò la costituzione di un nuovo partito, il Rassemblement Populaire pour le Progrès, al posto della LPAI. Politicamente moderato, Aptidon venne rieletto nel 1981 e nel 1987: in tale periodo il governo cercò di migliorare le relazioni con i Paesi vicini, a cominciare dall'Etiopia e vennero accolti profughi dall'Ogaden e dalla Somalia. Per quanto riguarda la politica interna Aptidon non riuscì a trovare un accordo che soddisfacesse sia gli issa, maggioritari, sia gli afar, e nel corso del 1989 scoppiarono alcuni disordini.

Lo scontro etnico, alimentato anche dalla pesante crisi economica, riprese con rinnovato vigore nel 1991, quando gli afar, costituito il Front pour la Restauration de l'Unité et de la Démocratie (FRUD), sferrarono cruenti attacchi alle forze governative, giungendo a controllare gran parte del Nord del Paese. Nel 1993 le prime elezioni multipartitiche (previste dalla nuova Costituzione approvata per referendum nel 1992) confermarono a larga maggioranza nella carica di presidente Aptidon, che nello stesso anno scatenò una vasta offensiva contro le truppe del FRUD, provocando un esodo di massa della popolazione afar verso l'Etiopia.

Nel dicembre 1994 una frazione del FRUD firmò con il governo di Gibuti un protocollo di pace che prevedeva il cessate-il-fuoco, il reintegro dei guerriglieri nell'esercito regolare e l'ingresso (poi effettivamente verificatosi nel giugno 1995) di alcuni suoi esponenti nell'esecutivo. In precedenza, la coalizione governativa aveva varato, su richiesta del Fondo Monetario Internazionale, un rigoroso piano di austerità, che provocò le proteste delle principali organizzazioni sindacali. Nel marzo 1996 il FRUD venne trasformato in partito politico legale, mentre membri dell'esecutivo contrari a tale linea politica, ivi compreso il ministro della Difesa, vennero estromessi dal governo. Le elezioni politiche del dicembre 1997, boicottate dall'opposizione, videro la netta affermazione del Rassemblement Populaire pour le Progrès (RPP). Nell'aprile 1999, il capo dello staff, nonchè nipote del presidente uscente, Ismail Omar Guelleh, venne eletto presidente e nel settembre 2002 egli riconobbe tutti i partiti fino a quel momento esclusi dalla scena politica del Paese.

Nel gennaio 2003 si sono svolte così le prime elezioni politiche pluraliste dall'indipendenza del Paese, che hanno visto trionfare la coalizione, l'Union pour la Majorité (UMP), che ha sostenuto il presidente Guelleh, il quale è stato rieletto, dopo il ritiro dell'unico candidato dell'opposizione, nelle elezioni del 2005. Nel 2010 il parlamento ha approvato una modifica della costituzione per permettere la ricandidatura di Guelleh alle elezioni presidenziali del 2011.

Popolazione

(?)
Popolazione totale: 888716
(?)
Popolazione urbana (%): 77,06
(?)
Gruppi etnici:

Somali 60%, Afar 35%, altri 5% (tra cui francesi, arabi, etiopi e italiani)

(?)
Lingue:

Francese e Arabo (ufficiali), Somali, Afar

(?)
Religioni:

Musulmani 94%, Cristiani 6%

Demografia

(?)
Tasso di crescita: 1,90
(?)
Tasso di natalità: 29,41
(?)
Tasso di mortalità: 10,47

Media dell'area geografica: 11.276470577016 (su un totale di 17 stati)

(?)
Tasso di mortalità infantile femminile: 77,40
(?)
Tasso di mortalità infantile maschile: 92,90
(?)
Tasso di fecondità totale: 3,95
(?)
Rapporto tra i sessi: 100,09
(?)
Rapporto tra i sessi alla nascita: 1,04
(?)
Età mediana: 21,40
(?)
Aspettativa di vita maschile: 55,24
(?)
Aspettativa di vita femminile: 58,04

Indice di sviluppo umano

(?)
Posizione / 179: 164

Indicatori economici

(?)
PIL - Prezzi Correnti (miliardi $ USA): 1,24
(?)
PIL - Parità di Potere d'Acquisto (miliardi $ USA): 2,23
(?)
Tasso di crescita annua: 0,00
(?)
PIL pro capite - Prezzi Correnti ($ USA): 1.466,97
(?)
PIL pro capite - Parità di Potere d'Acquisto ($ USA): 2.641,50
(?)
Bilancia dei pagamenti (milioni di $ USA): -156
(?)
Tasso di corruzione: 36
(?)
Debito pubblico (%/PIL): 0,00
(?)
Tasso di inflazione : 7,62
(?)
Tasso di disoccupazione: 0,00
(?)
Debito estero (milioni di $): 767,01
(?)
Popolazione sotto la soglia della povertà assoluta (%): 19

Indicatori socio-sanitari

(?)
Vaccinazioni EPI finanziate dal Governo (%): 26
(?)
Tasso diffusione HIV (stima) : 2,50
(?)
Diffusione contraccettivi (%): 23
(?)
Diffusione assistenza prenatale (%): 92
(?)
Assistenza specializzata al parto (%): 93
(?)
Tasso di mortalità materna: 300
(?)
Accesso fonti migliorate di acqua potabile (% urbana): 98
(?)
Accesso fonti migliorate di acqua potabile (% rurale): 52
(?)
Accesso fonti migliorate di acqua potabile (% totale): 92
(?)
Accesso impianti igienici adeguati (% urbana): 63
(?)
Accesso impianti igienici adeguati (% rurale): 10
(?)
Accesso impianti igienici adeguati (% totale): 56

Istruzione

(?)
Iscritti scuola primaria che raggiungono il 5° anno : 64
(?)
Tassi iscrizione scuola primaria femminile: 42
(?)
Tasso iscrizione scuola primaria maschile: 47
(?)
Tasso frequenza scuola primaria femminile: 66
(?)
Tasso frequenza scuola primaria maschile: 67
(?)
Tasso iscrizione scuola secondaria femminile: 20
(?)
Tasso iscrizione scuola secondaria maschile: 28
(?)
Tasso frequenza scuola secondaria femminile: 37
(?)
Tasso frequenza scuola secondaria maschile: 45

Comunicazioni

(?)
Tasso di libertà di stampa: 67,40
(?)
Numero linee telefoniche ogni 100 abitanti: 2,04
(?)
Utenti telefonia mobile ogni 100 abitanti: 21,32
(?)
Numero reti televisive: 1
(?)
Utenti internet ogni 100 abitanti: 7,00

Trasporti

(?)
Aeroporti:

13

(?)
Densità stradale (km/100 km²):

 

(?)
Densità ferroviaria (km/ 100 Km²):

0,4

(?)
Porti:

1