esplora

Paesi | Asia | Asia occidentale | Armenia

Ambiente

Documenti Agenzie ONU

 

UNEP/GRID/Arendal - Stato dell'ambiente (Rapporti nazionali), casi di studio, storie ambientali dell'Armenia

 

FAO (Food and Agriculture Organization of the United Nations/Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Agricoltura e l'Alimentazione) - Informazioni generali e profilo paese relativo alla povertà rurale (dato IFAD - International Fund for Agricultural Development/Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo)

 

UNDP (United Nations Development Programme/Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo) - Profilo ambientale: programmi e documenti per l'ambiente, l'energia e il cambiamento climatico

 

Documenti di altre Organizzazioni

Ministero dell'Ambiente - Legislazione, politiche, piani e programmi, trattati, accordi, potenzialità di investimento in materia di ambiente e protezione della nutura

 

Parks.it (il portale dei parchi italiani) - Parchi, riserve ed altre aree protette dell'Armenia

 

WWF (Fondo Mondiale per la Natura) / WWF in Armenia - L'Armenia fa parte dell'ecoregione del Caucaso, uno degli hotspot mondiali della biodiversità. Tra i principali progetti di protezione della natura, la prevenzione nei confronti del massiccio processo di deforestazione riveste un ruolo determinante. Un'iniziativa mira alla realizzazione di un consorzio di organizzazioni ambientali che attraverso la campagna SOS! Shikahoghmira a trovare un'alternativa alla costruzione dell'autostrada che dovrebbe passare attraverso la Riserva Forestale di Shikahogh. L'operazione dovrebbe servire ad evitare la distruzione di 30 ettari di alberi di rovere (circa 14.000 alberi), come pure i danni all'habitat di piante endemiche e di specie a rischio come il leopardo, la capra Bezoar e il muflone

Guide tematiche:

Cambiamento climatico

Documenti Agenzie ONU

 

UNFCCC (United Nations Framework Convention on Climate Change/Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici) - Profilo del Paese relativo alla Convenzione e al Protocollo di Kyoto

 

FAO (Food and Agriculture Organization of the United Nations/Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Agricoltura e l'Alimentazione) - Rapporti e dati statistici sui cambiamenti climatici; pubblicazioni; carte

 

UNDP (United Nation Development Programme/Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo) - L'UNDP in Armenia lavora a programmi di gestione sostenibile delle risorse ambientali ed energetiche e di prevenzione ai cambiamenti climatici

 

Documenti di altre Organizzazioni

Centro armeno di informazione sui cambiamenti climatici - Centro di studi nato nel 1997 durante al preparazione della prima comunicazione nazionale sui cambiamenti climatici nell'ambito della Convenzione Quadro delle Nazioni Unite

 

EarthTrends (portale di informazione ambientale del World Resources Institut) - Dati sul clima e le emissioni di CO2 in Armenia

Guide tematiche:

Inquinamento

Guide tematiche:

Impronta Ecologica

 

Documenti Agenzie ONU

 

GVU-UNU (Global Virtual University-United Nations University) - Dati (relativi al Living Planet Report, 2002) e grafici sull'impronta ecologica attraverso gli indicatori della biocapacità

 

Documenti di altre Organizzazioni

 

Global Footprint Network - Rete che promuove l’economia sostenibile utilizzando l’impronta ecologica come strumento principe per misurare la sostenibilità; impronta ecologica e biocapacità per persona dal 1961 al 2005

 

WWF (World Wildlife Fund - organizzazione internazionale per la protezione della natura) - L'organizzazione pubblica il Living Planet Report nel quale viene monitorata e analizzata la capacità del pianeta di mantenere e riprodurre la diversità biologica (il Living Planet Index misura questa capacità)

Carte tematiche:

Foreste/Deserti

Documenti Agenzie ONU

 

FAO (Food and Agriculture Organization of the United Nations/Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Agricoltura e l'Alimentazione) - Dati ed informazioni sul settore forestale

 

Documenti di altre Organizzazioni

 

EarthTrends (portale di informazione ambientale del World Resources Institut) - Dati su foreste, praterie e zone aride in Armenia

Acqua

Documenti Agenzie ONU

 

FAO (Food and Agriculture Organization of the United Nations/Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Agricoltura e l'Alimentazione) - Profilo Paese relativo alla gestione della risorsa idrica e della sicurezza alimentare

 

FAO/AQUASTAT - Informazioni generali su acqua e agricoltura in Armenia e aggiornamento dati

 

Documenti di altre Organizzazioni

 

EarthTrends (portale di informazione ambientale del World Resources Institut) - Dati sulle risorse idriche e gli ecosistemi d'acqua dolce in Armenia

Guide tematiche:

Carte tematiche:

Biodiversita

La catena del Caucaso in Armenia

L'hotspot del Caucaso si estende su 532.658 km² all'interno di Georgia, Armenia, Azerbaigian, Russia (compresi Dagestan, Cecenia, Inguscezia, Ossezia del Nord, Kabardino-Balkaria, Karachai-Cherkesia e Repubblica Autonoma di Adigea), Turchia settentrionale, Iran nord-occidentale. Nella parte meridionale, l'hotspot del Caucaso si integra con quello dell'Anatolia Iraniana

Documenti Agenzie ONU

 

CBD (Convention on Biological Diversity/Convenzione sulla Biodiversità) - Informazioni generali e documentazione su regole e strategie relative alla biodiversità

 

FAO (Food and Agriculture Organization of the United Nations/Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Agricoltura e l'Alimentazione) - Rapporti e dati statistici sulla biodiversità; pubblicazioni; carte

 

UNEP/GRID/Arendal - Stato della biodiversità in Armenia

 

Documenti di altre Organizzazioni

 

Ministero dell'Ambiente - Strategia nazionale per la biodiversità e piano d'azione (1999)

 

EarthTrends (portale di informazione ambientale del World Resources Institut) - Dati sulla biodiversità e le aree protette

Guide tematiche:

Biotecnologie

Documenti Agenzie ONU

 

FAO (Food and Agriculture Organization of the United Nations/Fondo delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura) - Dati ed informazioni sul settore delle biotecnologie

Sviluppo umano

Russian People’s Friendship University - Articolo riguardante l'analisi dell'indice di sviluppo umano nella Confederazione degli Stati Indipendenti (CSI), bulletin of geography Socio–economic Series no. 13/2010

 

ETF (European Training Foundation) - Agenzia dell'Unione Europea, con sede a Torino, istituita allo scopo di contribuire allo sviluppo dei sistemi educativi e formativi nei Paesi partner dell'UE. Scopo dell'agenzia e assistere i Paesi nel processo di transizione e di svilluppo affinchè sfruttino il potenziale del loro capitale umano; profilo dell'Armenia inofrmazioni utili e notizie aggiornate

 

Asia-Pacific Centre for security stydies - Pubblicazione relativa alla crescita, alla governance e allo sviluppo umano nei Paesi della regione del Pacifico e dell'Asia settentrionale e centrale, tra i quali l'Armenia (2001)

Habitat

Baraccopoli di Paraisopolis, una vera e propria "città" nella città, nella periferia di Sao Paolo (Brasile), costituisce un esempio chiaro delle contraddizioni del fenomeno dell'inurbamento.

"Rendere migliore la qualità della vita di ciascun essere umano è il primo e più importante obiettivo di qualsiasi politica di gestione degli insediamenti umani. Queste politiche devono contribuire in maniera rapida e continua al miglioramento della qualità della vita di ciascuno, a partire dalla soddisfazione dei bisogni primari di alimentazione, alloggio, acqua pulita, impiego, salute, educazione, formazione e sicurezza sociale senza alcuna forma di discriminazione per motivi di razza, colore, sesso, lingua, religione, ideologia, origine nazionale o sociale, in nome della libertà, della dignità e della giustizia sociale". I Principio Generale, Dichiarazione di Vancouver sugli insediamenti umani (1976)

 

Documenti Agenzie ONU

UN-HABITAT (United Nations Human Settlements Programme/Programma delle Nazioni Unite per gli insediamenti umani) - Informazioni riguardanti attività e iniziative di ricostruzione di insediamenti umani e relative infrastrutture

 

UNECE (United Nations Economic Commission for Europe/ Commissione Economica delle Nazioni Unite per l'Europa) - Il programma per la gestione territoriale e abitativa fornisce un profilo dell'Armenia relativamente al settore abitativo

 

UN ESCAP (United Nations Economic and social Commission for Asia and the Pacific/ Commissione economica delle Nazioni Unite per l'Asia e la regione del Pacifico) - Profilo della sezione responsabile della costruzione di insediamenti umani che contribuiscano alla produttività economica e siano esito di partecipazione dal punto di vista politico, che siano socialmente adeguati ed ecologicamente sostenibili

 

Documenti di altre Organizzazioni

Habitat for Humanity - Associazione che opera con l'obiettivo di eliminare la povertà abitativa nel mondo; attività in Armenia; studio che analizza gli elementi ambientali e contestuali che vanno ad influire sulla questione delle abitazioni in Armenia e le conseguenze delle politiche e delle strategie abitative sui gruppi più vulnerabili della società armena

 

Social Housing Foundation - Organizzazione non governativa su base volontaria impegnata nella promozione, nella promulgazione di leggi e politiche e nell'implementazione di progetti e programmi in materia di housing sociale

 

Fuller Center for Housing Armenia - Organizzazione non governativa che sostiene lo sviluppo locale in Armenia fornendo assistenza nella costruzione e nel restauro di alloggi e sensibilizzando la popolazione sulle tematiche riguardanti il diritto ad un alloggio adeguato

Guide tematiche:

Turismo responsabile

Turismo Responsabile

Lo sviluppo del turismo deve essere basato sul criterio della sostenibilità, ciò significa che deve essere ecologicamente sostenibile nel lungo periodo, economicamente conveniente, eticamente e socialmente equo nei riguardi delle comunità locali (Carta di Lanzarote, 1995).

I 18 punti della Carta sanciscono l’indiscutibile necessità di promuovere un turismo che sia occasione di sviluppo equo per le località e le popolazioni residenti, di qualità per i visitatori e di salvaguardia delle risorse culturali e naturali. A tal fine, gli strumenti consigliati sono un'attenta pianificazione, premessa di una gestione globale efficace, lo scambio d’esperienze e d’informazioni e la diffusione di nuovi modelli di comportamento.

 

Documenti Agenzie ONU

Per saperne di più... 

Ecoturismo, turismo sostenibile, turismo responsabile e turismo naturalistico: quali sono le differenze?

UNWTO (United Nations World Tourism Organization/ Organizzazione Mondiale per il Turismo delle Nazioni Unite) - Programmi e attività dell'UNWTO in Asia Sud-occidentale

 

STEP (Sustainable Tourism - Eliminating Poverty) - Il programma del UNWTO per il turismo sostenibile ha elaborato 7 meccanismi, cioè sette azioni da praticare per consentire alle popolazioni locali dei paesi svantaggiati di beneficiare del turismo

Documenti di altre Organizzazioni

Wild Asia Responsible Tourism Award 

Premio annuale finalizzato a dare riconoscimento ai servizi turistici che si distinguono per aver contribuito in maniera significativa al turismo sostenibile. Fungendo da spazio di condivisione di buone pratiche nell'ambito del turismo sostenibile tra gli operatori turistici del continente asiatico, il premio dimostra come il turismo responsabile possa divenire la strategia turistica comune a favore di comunità, ambiente e attività economiche

Logo del premio Wild Asia Responbile Tourism

Ministero dell'Economia - Informazioni utili rigurdanti le politiche e le strategie nazionali in materia di turismo, la legislazione vigente e il profilo del Paese dal punto di vista delle attività turistiche sviluppate

 

ARMECAS (Associazione armena di Ecoturismo) - Associazione creata nel 1997 allo scopo di unire quanti in Armenia sono interessati nelle attività di ecoturismo quale mezzo di sviluppo sostenibile del Paese

 

Tatev Revival Project - Progetto il cui obiettivo consiste nel rilanciare il monastero di Tatev e la regione circostante attraverso iniziative di vario tipo, tra le quali, viaggi di ecoturismo nel sud del Paese

 

Fructusarmeniacus.com - Esempio di operatore turistico che offre attività di turismo responsabile ed ecoturismo in Armenia

 

Step up travel - Naviga sulla carta, scegli le destinazioni di turismo responsabile nel mondo e fai le prenotazioni del soggiorno: turismo responsabile in Armenia, mete ed informazioni utili

 

 

 

 

Guide tematiche:

MDG

Stop alla povertà entro il 2015 è la promessa che 182 leader mondiali hanno fatto al Vertice Mondiale del 2000 convenendo nel raggiungimento degli 8 Obiettivi di Sviluppo del Millennio entro il 2015. Clicca qui per maggiori informazioni sulla Campagna del Millennio in Europa

 

Documenti Agenzie ONU

UN (United Nations/ Nazioni Unite) / Millennium goals / UNECE (United Nations Economic Commission for Europe/ Commissione Economica delle Nazioni Unite per l'Europa) - Rapporto (2006): Obiettivi di Sviluppo del Millennio, uno sguardo al futuro: una prospettiva paneuropea

 

WB (Banca Mondiale) - Atlante degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio

Rapporto rigurdante il contributo dei Paesi che sono compresi all'interno della Regione ECA (Europa e Asia Centrale) al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio

 

UNHCR (United Nations High Commissioner for Refugees/ Alto Commissariato delle Nazionie Unite per i rifugiati) - Analisi delle condizioni di vita dei rifugiati in Armenia e Pakistan, dei richiedenti asilo in Ecuador e degli sfollati interni in Sri Lanka alla luce degli obiettivi sanciti in occasione d Vertice del millennio nel 2000

 

UNDP (United Nations Development Programme/ Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo) / MDG - Gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio in Armenia, documenti, informazioni e collegamenti utili

 

Poster del terzo Obiettivo del Millennio vincitore di una competizione nazionale finalizzata all'interpretazione e rappresentazione degli MDG da parte di artisti nazionali. Per vedere gli altri poster prodotti, clicca qui

UNDG (Gruppo delle Nazioni Unite per lo Sviluppo) - Rapporto (2010) sullo stato di avanzamento degli obiettivi del millennio in Armenia

 

MDG Monitor - Strumento dell' UNDP che fornisce informazioni aggiornate sui progressi riguardanti il raggiungimento degli MDG si a livello globale che locale; profilo dell' Armenia

 

ADB (Asian Development Bank)/ UNDP/ UN-ESCAP (United Nations Economic and Social Commission for Asia and the Pacific) - Il partenariato composto da queste tre organizzazioni, isituito per monitorare i progressi, sostenere la crescita di politiche ed istituzioni e sviluppare competenze nel raggiungimento degli MDG in Asia e nel Pacifico, produce annualmente un rapporto di aggiornamento in merito a settori specifici e gestisce il portale Millennium Development Goals in Asia and Pacific, creato allo scopo di fornire informazioni sulle iniziative sviluppate relativamente agli MDG in questa regione

 

Diritti umani

Documenti Agenzie ONU

Consiglio Diritti Umani - Rapporto dello Stato preparato dal Ministero degli Affari Esteri armeno, aggiorna sulla situazione dei diritti umani nel paese e sulle riforme attuate per garantirne una maggiore protezione. Universal Periodic Review, preparata dall'ufficio dell'Alto Commissario per i Diritti Umani. Da quando ha raggiunto l'indipendenza nel 1991, le autorità hanno ratificato più di 60 trattati internazionali sui diritti umani.

Sull'onda delle rivoluzioni 

Anche la coalizione di opposizione armena ha organizzato rivolte ispirate dai recenti sviluppi del nord Africa. Anche qui i giovani organizzano le proteste tramite l'uso di Facebook e Twitter. Tra le richieste avanzate si hanno elezioni anticipate e il rilascio degli oppositori arrestati nel 2008.

 

Documenti di altre Organizzazioni

Consiglio d'Europa - Rapporto del Commissario per i Diritti Umani in missione in Armenia, condotta su invito del Governo. Aggiorna sulla situazione politica e sulla tutela dei diritti nel paese. Documento sul funzionamento delle istituzioni democratiche in Armenia, dopo la crisi politica che si è succeduta alle elezioni presidenziali del 2008.

 

Amnesty International - Rapporto annuale 2010. Il paese ha abolito la pena di morte per tutti i reati. Permangono però altre violazioni dei diritti umani. Continua l'impunità per chi commette gravi violazioni, vi sono limiti alla libertà di espressione e il diviedo di manifestazione, fino a casi di aggressione ai giornalisti. Il paese non si dimostra in linea con gli standard internazionali in materia di tutela di donne e ragazze dalla violenza.

 

Freedom House - Rapporto sulla libertà nel mondo. Nel 2009 Turchia e Armenia hanno firmato un accordo storico che ristablisce rapporti diplomatici tra i due paesi e la riapertura del confine. Si apre inoltre la negoziazione tra Baku e Yerevan per un accordo riguardante lo status del Nagorno-Karabakh.

La Carta Sociale europea 

Ratificata dall'Armenia nel 2004, è stata adottata dal Consiglio d'Europa nel 1961 e revisionata nel 1996. Garantisce i diritti sociali ed economici ed è considerata il completamento naturale della Convenzione Europea dei Diritti dell'Uomo che tutela i diritti civili e politici degli individui. Il Comitato europeo per i diritti sociali ha il compito di valutare la conformità della legislazione nazionale alle previsioni della Carta ed in particolare il rispetto del diritto di lavorare, il diritto delle persone disabili di partecipare alla vita della comunità, il diritto alle pari opportunità di uomini e donne.

 

Human Rights Watch - World Report 2011. Nel paese sono presenti diversi casi di abuso della forza da parte della Polizia, anche con uso di tortura e trattamenti degradanti su detenuti. Le libertà di riunione e associazione sono ancora limitate.

 

Institute for War and Peace Reporting - Articolo che documenta la preoccupante crescita dei poveri nel paese, che spinge verso l'emigrazione.

 

ICRC (International Committee of the Red Cross) - Attività della Croce Rossa in Armenia, che dal 1992 è presente nel paese per fronteggiare le conseguenze del conflitto del Nagorno-Karabakh, in particolare concentrandosi sulla ricerca di persone scomparse, sul monitoraggio del trattamento dei detenuti e delle condizioni delle comunità che vivono lungo il confine con l'Azerbaijan.

 

United States Department of State - Rapporto dello Stato sulle pratiche riguardanti i diritti umani. I cittadini armeni hanno una possibilità limitata di cambiare il loro Governo tramite elezioni pacifiche e regolari. Le forze di Polizia compiono violazioni che spesso restano impunite, così come continuano le detenzioni arbitrarie e la giustizia subisce influenze politiche perdendo la sua imparzialità. Infine si registrano alti tassi di corruzione mentre la violenza domestica resta la normalità.

Diritti delle donne

Le donne armene iniziano a denunciare le violenze domestiche, prima considerata questione strettamente familiare, fonte di vergogna, e da risolvere tra le mura domestiche.

Nel paese non esiste un'istituzione nazionale responsabile in materia di tutela dalla violenza domestica, per la mancanza di legislazione a riguardo. La donna continua ad occupare le posizioni più svantaggiate nella sfera politica, nel mercato del lavoro, nell'educazione e nella sfera domestica.

 

Documenti Agenzie ONU

CEDAW (Convention on the Elimination of all Forms of Discriminations against Women/Convenzione per l'eliminazione di ogni forma di discriminazione nei confronti delle donne) - Osservazioni conclusive del Comitato in relazione ai Rapporti periodici presentati dallo Stato. Nel paese non si può ancora parlare di uguaglianza di genere. esistono molti stereotipi e pratiche tradizionali discriminatorie nei confronti delle donne. Il Comitato raccomanda di definire i diciotto anni come età al di sotto della quale non è possibile sposarsi.

 

UN Women (United Nations Entity for Gender Equality and the Empowerment of Women, ex UNIFEM) / UN Women South Asia Office - Fondo delle Nazioni Unite dedicato al miglioramento dei diritti delle donne e al raggiungimento dell'eguaglianza di genere - Attività nell'Europa centrale e dell'est. Si è discusso il ruolo della donna in Karabakh, che potrebbe essere una chiave per risolvere il conflitto esistente nella zona.

 

Documenti di altre Organizzazioni

Antico proverbio armeno.. 

...dice che la donna è come la lana, più la batti e più diventerà morbida. Fa intendere bene come sia radicata la violenza domestica nel paese.

United Human Rights Council - Comitato della Federazione Giovanile armena. Lavora per correggere le violazioni dei diritti umani del Governo. Articolo sulla violenza domestica contro le donne in Armenia.

 

Women's Rights Centre - Attualmente circa 60 ONG che si occupano delle questioni di genere sono registrate presso il Ministero della Giustizia. Il Women's Rights Centre è una ONG locale che si impegna per eliminare la violenza domestica contro donne e bambini, e per la tutela dei diritti riproduttivi e la salute delle donne armene.

 

Independent Journalists' Network - Articolo sulle violazioni dei diritti delle donne, ancora non rappresentate in molte sfere della vita sociale e lavorativa.

 

ArmeniaNow.com - Nonostante la violenza domestica sia ancora molto radicata e diffusa nel paese, non mancano dei segnali positivi. Le donne infatti hanno iniziato a denunciare le violenze subite, superando quindi i timori e i vincoli culturali che prima chiudevano tali violenze nel silenzio delle mura domestiche.

Diritti dei popoli indigeni e delle minoranze

La Costituzione armena riconosce un certo numero di diritti linguistici e culturali alle minoranze. Ma sotto molti aspetti i loro diritti non sono garantiti, così ad esempio desta ancora preoccupazione il trattamento delle minoranze religiose.

 

Documenti Agenzie ONU

CERD (Committee on the Elimination of Racial Discrimination) - Osservazioni conclusive del Comitato. La Costituzione vieta le discriminazioni sulla base di razza, colore, origine etnica o altre circostanze di natura personale. La discriminazione raziale è proibita da diverse leggi che regolano la vita pubblica, come ad esempio per quanto riguarda le trasmissioni radio e della televisione.

 

Documenti di altre Organizzazioni

Minority Rights Group International - Scheda riguardante l'Armenia e gli armeni.

 

Gayane Selimyan - Ricercatore associato dell'American University of Armenia. Documento sulle minoranze etniche nell'amministrazione pubblica in Armenia. Si analizza la composizione delle minoranze etniche nel paese, la protezione dei loro diritti umani, i problemi ad esse connessi e correlati alla struttura della pubblica amministrazione del paese.

 

Consiglio d'Europa - Carta Europea per le minoranze linguistiche, applicazione in Armenia. Nel paese sono presenti appartenenti a diverse etnie. Vi sono armeni, assiri, yezidi, greci, russi, ucraini e curdi. Vi è anche la presenza di ebrei, di tedeschi e bielorussi. Rapporto dello Stato sull'implementazione della Convenzione per la protezione delle Minoranze.

 

Human Rights in Armenia - Documento sulle minoranze etniche in Armenia, con l'indicazione delle principali ONG che tutelano i loro diritti.

Diritti dei bambini

Inaugurazione di un villaggio SOS che ospita ragazzi armeni in difficoltà.

Documenti Agenzie ONU

Comitato per i diritti del bambino - Rapporto dello Stato. Fornisce informazioni di carattere generale sul paese, riprende la definizione di bambino e dei suoi diritti, splicita le misure di protezione speciali adottate in materia di: bambini in situazione di emergenza, di sfruttamento, bambini appartenenti a minoranze e gruppi indigeni.

 

UNICEF (United Nations Children's Fund)- Attività in Armenia. Si indicano recenti pubblicazioni riguardanti i bambini armeni e la tutela dei loro diritti, con particolare riferimento ai bambini poveri e alle loro opportunità, l'assistenza sanitaria, la giustizia giovanile, i programmi educativi.

 

Documenti di altre Organizzazioni

Armenian NGO Site - Sito che indica le principali ONG locali e internazionali che operano nel paese.

 

ArmeniaNow.com - Articolo sulla mancata tutela dei diritti dei bambini armeni.

 

Coalition to Stop the Use of Child Soldiers - Rapporto Globale sui bambini soldato. Nel paese vi sono casi di addestramento all'uso delle armi rivolto a minori, considerati cadetti. In alcuni casi anche bambini di 11-12 anni, generalmente orfani, sono stati coinvolti in questo tipo di addestramento.

 

United States Department of Labour - Documento sulle peggiori forme di sfruttamento dei bambini. Il Governo ha aumentato le pene per reati legati al traffico di bambini. Tuttavia rimangono delle lacune in materia di politiche e aspetti legati per le forme di lavoro pesante che coinvolgano minori. Non vengono svolte ispezioni dalle autorità competenti e i bambini continuano ad essere sfruttati per lavori pesanti.

 

Guerre dimenticate

 

Il conflitto del Nagorno-Karabakh 

Tra il 1988 ed il 1993, in corrispondenza della dissoluzione dell'URSS, le due repubbliche ex-sovietiche dell'Armenia e dell'Azerbaijan hanno combattuto per contendersi il controllo della regione del Nagorno-Karabakh. Questa area appartiene formalmente all'Azerbaijan, ma la maggioranza della popolazione è armena. Il conflitto ha provocato migliaia di vittime, e centinaia di miglia di sfollati, da entrambe le parti. Lo scontro armato termina con un cessate il fuoco e con l'indipendenza de facto (cioè non riconosciuta internazionalmente) del Nagorno Karabakh. A più di 15 anni di distanza questa situzione di stallo non si è ancora risolta

 

 

Documenti Agenzie ONU

 

 

Risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite sulla guerra del Nagorno-Karabakh - Nel 1993 il Consiglio di Sicurezza ONU si è più volte espresso riguardo alla situazione di instabilità nel Nagorno-Karabakh: risoluzione 822, risoluzione 853, risoluzione 874, risoluzione 884

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Truppe Armene in azione nel Karabakh

 

Documenti di altre organizzazioni

 

Department of Peace and Conflict Research Uppsala University - database dei conflitti attuali e passati per macroregione. Vengono rilevati sia i conflitti interstatali che i conflitti armati minori e le "one sided violence" cioè le violenze scatenate da gruppi etnici, clan, tribù nei confronti di minoranze, quasi sempre impossibilitate a difendersi. Scheda sulla guerra del Nagorno-Karabakh

 

Flashpoints.info - Portale di geopolitica dei conflitti internazionali. Scheda sulla guerra in Nagorno-Karabakh con breve analisi storica e aggiornamenti sugli ultimi sviluppi

 

Inter Crises Group - Istituto di ricerca che si occupa di prevenzione dei conflitti. ICG ha pubblicato questi tre report (rep 1, rep 2, rep 3) sulla situazione in Nagorno Karabakh

 

Il conflitto in Nagorno-Karabakh - Breve analisi (in italiano) sul conflitto tra Armenia ed Azerbaijan

 

Il nodo del Karabakh - Analisi sintetica a cura dell'Osservatorio Balcani della situazione in Nagorno-Karabakh (in italiano)

Guide tematiche:

Nuovi conflitti

Documenti ONU

UNEP (United Nations Environment Programme/Programma Ambientale delle Nazioni Unite) - portale regionale dell'ufficio di collegamento per le iniziative di monitoraggio e gestione ambientale per l'Africa. UNEP si occupa del sostegno e della pianificazione di interventi per la cura dell'ecosistema del pianeta.

UNODC (United Nations Office on Drugs and Crime/ Ufficio delle Nazioni Unite competente su Droga e Criminalità) - ufficio di supporto alla lotta al crimine internazionale portata avanti dai governi nazionali. Monitora costantemente le principali direttrici del traffico degli stupefacenti ed elabora le mappe mondiali relative: qui le mappe sui principali flussi dieroina e cocaina. UNODC è presente in numerosi Paesi: mappa globale degli uffici UNODC.

Documenti altre organizzazioni

 

I conflitti, spesso ignorati o dimenticati dai massa media, che infiammano tutto il mondo lasciano dietro sé una scia mortale di Mine Antiuomo che continuano a mietere vittime a distanza di anni dalla fine delle ostilità, soprattutto tra coloro che la guerra nemmeno la hanno combattuta. E-Mine promuove la messa al bando delle mine antiuomo e la messa in sicurezza dei territori minati (mappa in pdf). Scheda Paese sulle azioni intraprese da E-Mine.

CDCA (Centro Documentazione Conflitti Ambientali) - centro di studi che raccoglie informazioni sui conflitti ambientali nel mondo. Il materiale è suddiviso per area geografica o per area tematiche: biodiversità, idrocarburi, miniere, foreste, acqua.

Pacific Institute - World's Water - pagina informativa sulle riserve mondiali di acqua dolce, presenta una mappa interattiva e una cronologia dei conflitti legati alla risorsa destinata a scarseggiare sempre più nei prossimi anni.

American University - The Mandala Project - progetto educativo di studio per grandi tematiche trasversali portato avanti dalla American University del Massachussets - articoli-Paese nelle tematiche TED (Trade and Environment Database) e ICE (Inventory of Conflict and Environment Database)

Guide tematiche:

Spese militari

Documenti Agenzie ONU

UN COMTRADE (United Nations Commodity Trade Statistics Database) – Dati sulle importazioni di armi (ad uso militare e civile) e principali partner commerciali

 

Documenti di altre Organizzazioni

SIPRI (Stockholm International Peace Research Institute) pubblica ogni anno un rapporto su armi, disarmo e sicurezza internazionale. È il rapporto più autorevole in materia - Spesa militare (1988-2008). L'Istituto mette a disposizione il proprio database a copertura mondiale sulle spese militari per Paese.

 

Control Arms – Campagna internazionale per l’adozione presso le Nazioni Unite di un Trattato internazionale sul commercio delle armi (ATT), destinato a impedire i trasferimenti di armi che alimentano conflitti, povertà e gravi violazioni dei diritti umani.

 

Archivio disarmo (Istituto di ricerca fondato nel 1982, che studia i problemi del controllo degli armamenti, della pace e della sicurezza internazionale) - Spese militari In Asia 1998-2008 per grandi aree e per Stati (Fonte: Sipri, Sipri Yearbook 2008. Armaments, disarmament and international security, Oxford University Press, 2008)

Guide tematiche:

Carte tematiche:

Migrazioni

 

 

IOM (International Organization for Migration/ Organizzazione Internazionale per le Migrazioni) - Programmi e attività dell'IOM in Armenia

 

ILO (International Labour Organization/ Organizzazione Internazionale per il Lavoro) - Questa organizzazione ha elaborato un database con numerose statistiche sulle migrazioni nelle diverse regioni del mondo - Altre informazioni sono presenti in questo report

 

Migrazioni in Armenia - articolo 1, articolo 2 - In questi due articoli si analizzano le caratteristiche del fenomeno migratorio in Armenia

Guide tematiche:

Profughi/Rifugiati

Campo profughi per armeni che hanno dovuto abbandonare le proprie case nella regione azera del Nagorno Karabakh

 

Documenti Agenzie ONU

 

UNHCR (United Nations High Commissioner for Refugees - Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati) - Attività in Armenia (notizie, operazioni, statistiche, finanziamenti, analisi e politiche, carte)

 

Documenti di altre Organizzazioni

 

IDMC (Internal Displacement Monitoring Centre/ Centro di Monitoraggio sugli spostamenti forzati Interni) - Rapporto sulla regione dell'Europa - Scheda paese con statistiche, documenti e carte

 

FMO (Migrazioni forzate on-line, informazione sugli spostamenti umani) - Articoli, risorse web ed organizzazioni che operano nel settore delle migrazioni forzate. Materiali sull'Armenia

Guide tematiche:

Democrazia, dittature

Manifestazioni dell'opposizione a Erevan

 

Documenti Agenzie ONU

 

ONU in Armenia - Programmi e attività delle Nazioni Unite in Armenia

 

Documenti di altre Organizzazioni

 

Parlamento dell'Armenia - Sito del Parlamento dell'Armenia

 

Freedom House - Profilo Paese - Breve presentazione sulla situazione politica dell'Armenia

 

OSCE (Organization for security and cooperation in Europe/ Organizzazione per la cooperazione e la sicurezza in Europa) - Questa organizzazione intergovernativa promuove la democrazia e lo sviluppo nei paesi del mondo ex-socialista - Sito della missione OSCE in Armenia

Guide tematiche:

Societa civile

Documenti Agenzie ONU

 

Cos'è una Organizzazione Non Governativa? è parte della Società Civile. E questa cos'è? la FAO risponde a queste domande.

UNDESA NGO Branch (United Nations Department of Economic and Social Affairs Non Governmnental Organization Branch/Dipartimento Affari Economici e Sociali delle Nazioni Unite, sezione Organizzazioni Non Governative) - database e fulcro nodale della rete di ONG che lavorano con le Nazioni Unite e/o soddisfano i parametri per ottenere lo status consultivo presso l'ONU. Attraverso la pagina di ricerca avanzata si può ottenere la lista delle ONG ordinata Paese per Paese.

 

 

 

UNODC (United Nations Office for Drugs and Crime prevention/Ufficio delle Nazioni Unite per la prevenzione del Crimine e del Narcotraffico) - NGO Database - lista delle oltre 2500 ONG attive nella prevenzione del crimine organizzato e del narcotraffico che operano principalmente tramite la diffusione della cultura della legalità e la conoscenza degli stupefacenti e dei danni da essi provocati

 

 

 

UNCTAD (Conferenza delle Nazioni Unite per Commercio e Sviluppo) - dipartimento delle Nazioni Unite che si occupa anche di cooperazione tra mondo del commercio e del profitto con il mondo della Società Civile

 

 

 

Documenti di altre organizzazioni

 

WANGO - Worldwide NGO Directory - archivio mondiale delle Organizzazioni non Governative, diviso per regione. Ospita anche il Manuale per le ONG che contiene definizioni, ambiti d'intervento e margini legali delle ONG.

 

 

 

The NGO Cafè - portale di news e biblioteca virtuale delle ONG. Contiene un meta-archivio regionale delle directory per trovare ONG nel mondo.

 

Guide tematiche:

Liberta di stampa

Documenti Agenzie ONU

UNESCO (United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization) - Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Istruzione, la Scienza e la Cultura che promuove la libertà d'informazione e stampa in quanto diritto umano fondamentale.

UNESCO (United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization / Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Istruzione, la Scienza e la Cultura) - promuove la libertà d'informazione e stampa come un diritto umano di base

Documenti di altre Organizzazioni

RSF (Reporters sans frontiers/Reporters without border/Reporter senza forntiere) - Organizzazione internazionale di giornalisti che si bate per la libertà d'informazione nel mondo. Stila annualmente una classifica della libertà d'informazione per Paese.

Freedom House – organizzazione statunitense che si occupa di libertà e diritti. Elabora ogni anno unamappa navigabile dove riporta il livello di libertà di stampa dei Paesi del mondo. La mappa viene elaborata in base a criteri e motivazioni espressi in calce alla stessa.

Press Reference - Informazioni relative ai mezzi di comunicazione quali stampa, televisione, radio e giornali, al sistema della censura e all' ingerenza dello Stato nel sistema dei mezzi di comunicazione con riferimento alla legislazione nazionale in materia di libertà di pensiero ed espressione e di diritto di replica

Guide tematiche: