esplora

Paesi | Africa | Africa orientale | Eritrea

Ambiente

Documenti Agenzie ONU

 

UNEP (United Nations Environment Programme/Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente)  

Atlas of our Changing Environment: atlante dei cambiamenti ambientali che negli ultimi decenni hanno modificato il contiente africano

FAO (Food and Agriculture Organization of the United Nations/Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Agricoltura e l'Alimentazione) - Informazioni generali e profilo paese relativo alla povertà rurale (dato IFAD - International Fund for Agricultural Development/Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo)

 

UNDP (United Nations Development Programme/Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo) - Attività nel settore ambientale ed energetico;

  1. UNDP/ECMIB (Eritrea Coastal, Marine and Islands Biodiversity Project): progetto per la protezione della biodiversità e degli ecositemi insulare, marino e costiero in Eritrea;
  2. UNDP/FAO - Valutazione dell'impatto biologico, economico e sociale della pesca del cetriolo di mare nel Mar Rosso eritreo (2007)

 

Documenti di altre Organizzazioni

 

Ministero dell'Ambiente - Legislazione, politiche, piani e programmi, trattati, accordi, potenzialità di investimento in materia di ambiente, acqua e gestione del territorio

 

Parks.it (il portale dei parchi italiani) - Parchi, riserve ed altre aree protette in Eritrea

Guide tematiche:

Cambiamento climatico

Documenti Agenzie ONU

UNFCCC (United Nations Framework Convention on Climate Change/Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici) - Profilo del Paese relativo alla Convenzione e al Protocollo di Kyoto; Prima comunicazione nazionale sulla Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici (2001)

 

FAO (Food and Agriculture Organization of the United Nations/Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Agricoltura e l'Alimentazione) - Rapporti e dati statistici sui cambiamenti climatici; pubblicazioni; carte

 

UNDP (United Nation Development Programme/Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo) - L'UNDP in Eritrea lavora a programmi di protezione ambientale, gestione energetica e prevenzione ai cambiamenti climatici

 

Documenti di altre Organizzazioni

EarthTrends (portale di informazione ambientale del World Resources Institut) - Dati sul clima e sulle emissioni di CO2 in Eritrea

Guide tematiche:

Inquinamento

Documenti Agenzie ONU

 

Documenti di altre Organizzazioni

Guide tematiche:

Impronta Ecologica

Documenti Agenzie ONU

 

GVU-UNU (Global Virtual University-United Nations University) - Dati (relativi al Living Planet Report, 2002) e grafici sull'impronta ecologica attraverso gli indicatori della biocapacità

 

Documenti di altre Organizzazioni

 

Global Footprint Network - Rete che promuove l’economia sostenibile utilizzando l’impronta ecologica come strumento principe per misurare la sostenibilità; impronta ecologica e biocapacità per persona dal 1961 al 2005

 

WWF (World Wildlife Fund - organizzazione internazionale per la protezione della natura) - L'organizzazione pubblica il Living Planet Report nel quale viene monitorata e analizzata la capacità del pianeta di mantenere e riprodurre la diversità biologica (il Living Planet Index misura questa capacità)

Carte tematiche:

Foreste/Deserti

Documenti Agenzie ONU

UNCCD (United Nation Conference to Combact Desertification/Conferenza delle Nazioni Unite per la lotta contro la desertificazione) - Stato di ratifica della Convenzione e Rapporti nazionali

 

 

FAO (Food and Agriculture Organization of the United Nations/Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Agricoltura e l'Alimentazione) - Dati ed informazioni sul settore forestale

  1. Rassegna sugli studi essitenti in materia di combustibile ligneo e/o carbone in Eritrea (1999)
  2. Rapporto sulle prospettive forestali Africa orientale (2003)

 

Documenti di altre Organizzazioni

 

EarthTrends (portale di informazione ambientale del World Resources Institut) - Dati su foreste, praterie e zone aride in Eritrea

Acqua

Documenti Agenzie ONU

 

FAO (Food and Agriculture Organization of the United Nations/Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Agricoltura e l'Alimentazione) - Profilo Paese relativo alla gestione della risorsa idrica e della sicurezza alimentare

 

FAO-AQUASTAT - Informazioni su acqua e agricoltura in Eritrea e aggiornamento dati

 

Documenti di altre Organizzazioni

 

EarthTrends (portale di informazione ambientale del World Resources Institut) - Dati sulle risorse idriche e gli ecosistemi d'acqua dolce in Eritrea

Guide tematiche:

Carte tematiche:

Biodiversita

Documenti Agenzie ONU

CBD (Convention on Biological Diversity/Convenzione sulla Biodiversità) - Informazioni generali e documentazione su regole e strategie relative alla biodiversità

 

FAO (Food and Agriculture Organization of the United Nations/Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Agricoltura e l'Alimentazione) - Rapporti e dati statistici sulla biodiversità; pubblicazioni; carte

 

Documenti di altre Organizzazioni

 

Ministero dell'Ambiente / UNEP (United Nations Environment Program/Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente) - Biosafety (Programma per la Biosicurezza) - Quadro nazionale sulla biosicurezza (2006)

 

EAFRENET (rete locale dell'Africa orientale) di BioNET-International, iniziativa internazionale impegnata nella promozione della tassonomia, specialmente nei paesi ricchi in biodiversità, ma economicamente poveri, attraverso reti locali di partnership (LOOPs) e forum collaborativi

 

EarthTrends (portale di informazione ambientale del World Resources Institut) - Dati sulla biodiversità e le aree protette

Guide tematiche:

Biotecnologie

Documenti Agenzie ONU

FAO (Food and Agriculture Organization of the United Nations/Fondo delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura) - Dati ed informazioni sul settore delle biotecnologie

 

Documenti di altre Organizzazioni

 

Ministero dell'Ambiente / UNEP (United Nations Environment Program/Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente) - Biosafety (Programma per la Biosicurezza) - Quadro nazionale sulla biosicurezza (2006)

Sviluppo umano

Documenti Agenzie ONU

UNDP (United Nations Development Programme/ Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo) - Ufficio regionale per l'Africa; UNDP in Eritrea, aree d'intervento prioritarie e pubblicazioni; Statistiche aggiornate 2009, informazioni tratte dal Rapporto (2009) sullo sviluppo umano e documenti programmatici nazionali

 

UNDG (United Nations Development Group/ Gruppo delle Nazioni Unite per lo Sviluppo) - Valutazione ed analisi condivise dalle Agenzie delle Nazioni Unite sulla situazione sociale, politica ed economica eritrea e relativo programma di assistenza delle Nazioni Unite per lo Sviluppo del Paese (UNDAF 2007-2011)

 

WB (World Bank/Banca Mondiale) - Serie di documenti preliminari in merito allo Sviluppo Umano nella Regione africana

 

NEPAD (The New Partnership for Africa's Development/ Nuovo partenariato per lo sviluppo dell'Africa) / Agenzia per la pianificazione e il coordinamento dello sviluppo umano - Agenzia finalizzata al rafforzamento delle relazioni tra crescita, educazione, scienza e sviluppo tecnologico e sradicamento della povertà

 

Documenti di altre Organizzazioni

 

Cooperazione Internazionale

Documenti Agenzie ONU

Commissione Europea / EuropeAID - Programma di cooperazione internazionale in Eritrea; strategie e priorità dell'organizzazione nel Paese (2002-2007) e (2009-2013), progetti in corso e azioni dell'Unione Europea in Eritrea

 


 

EU (Unione Europea) - Informazioni relative alla strategia di cooperazione tra Eritrea e Unione Europea

 

 

Documenti di altre Organizzazioni

Fondazione per lo sviluppo dell'Eritrea - Organizzazione non governativa statunitense le cui attività sono finalizzate allo sviluppo economico, sociale e culturale in Eritrea

Habitat

Documenti di altre Organizzazioni

Baraccopoli, cambiamento climatico e salute nell'Africa Subsahariana 

L'Africa subsahariana è la regione meno urbanizzata al mondo: solo il 39,1% della popolazione vive in città. Si stima, tuttavia, che la popolazione urbana di questa regione si moltiplicherà più del doppio entro il 2030 per un totale di 760 milioni di abitanti [...] Un recente articolo pubblicato dall' England Journal of Medicine afferma che l'urbanizzazione è "un rischio sanitario per alcune popolazioni particolarmente vulnerabili e questo mutamento demografico minaccia la crezione di un disastro umanitario". WHO/OMS, Volume 87, numero 12 del dicembre 2009

UN-HABITAT (United Nations Human Settlements Programme/Programma delle Nazioni Unite per gli insediamenti umani) - Attività, notizie e iniziative di ricostruzione di insediamenti umani e relative infrastrutture cui l'Eritrea aderisce

 

Documenti di altre Organizzazioni

 

Guide tematiche:

Educazione/Istruzione

Documenti Agenzie ONU

IBE (Ufficio Internazionale dell'Educazione) / UNESCO (Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura) - Profilo del sistema educativo dell'Eritrea

 

UNESCO (United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization/Organizzazione delle Nazioni Unite per l'educazione, la scienza e la cultura) - Rapporto (2000) riguardante i progressi dell'Eritrea in merito all'iniziativa Educazione per Tutti/ Education for all (EFA), e quindi al raggiungimento di tale obiettivo a partire dal 1990

 

UNICEF (United Nations Children's Fund / Fondo delle Nazioni Unite per l'Infanzia) - Articoli relativi alle iniziative dell'UNICEF in Eritrea in ambito educativo

 

WB (World Bank/ Banca Mondiale) - Progetto di investimento nel settore educativo, volume 1 e 2, (2010)

 

 

Documenti di altre Organizzazioni

Associazione delle Università Africane 

L'Eritrea è uno dei paesi membri dell'Associazione delle Università Africane (AAU), organizzazione apice e forum di consultazione, di scambio di informazioni e di cooperazione tra le istituzioni di educazione superiore in Africa

Ministero dell'Educazione - Rapporto nazionale 2008 sull'educazione e l'apprendimento permanente per la VI Conferenza dell'UNESCO sull'educazione permanente 2009 (COFINTEA VI)

Guide tematiche:

Turismo responsabile

Documenti Agenzie ONU

Consiglio Internazionale dei Partners del Turismo 

Consiglio Internazionale dei Partners del Turismo / Sezione dedicata alla Missione Africa, un'iniziativa nata per triplicare in maniera sostenibilile le rendite derivanti dall'attività turistica entro il 2015

UNWTO (United Nations World Tourism Organization/ Organizzazione Mondiale per il Turismo delle Nazioni Unite) - Programmi e attività dell'UNWTO in Africa

STEP (Sustainable Tourism - Eliminating Poverty) - Il programma del UNWTO per il turismo sostenibile ha elaborato 7 meccanismi, cioè sette azioni da praticare per consentire alle popolazioni locali dei paesi svantaggiati di beneficiare del turismo

 

Guide tematiche:

MDG

Stop alla povertà entro il 2015 è la promessa che 182 leader mondiali hanno fatto al Vertice Mondiale del 2000 convenendo nel raggiungimento degli 8 Obiettivi di Sviluppo del Millennio entro il 2015. Clicca qui per leggere le notizie più recenti sugli MDG in Africa

 

Documenti Agenzie ONU

MDG in Africa 

Rivista on-line che si focalizza in maniera specifica sui progressi e sulle abilità del continente africano nel raggiungimento degli Otto Obiettivi di sviluppo del Millennio: informazioni utili, mappatura degli MDG in Africa, e lista di paesi africani vicini al raggiungimento di ciascun obiettivo

UN (United Nations/ Nazioni Unite) / Millennium goals - Valutazione dei progressi realizzati in Africa in merito al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (2009)

 

The Missing MDG 

L'Obiettivo di Sviluppo del Millennio Mancante è un'iniziativa di One Young World (forum globale dei giovani) che prevede una petizione ai capi di stato dei Paesi memebri delle Nazioni Unite e ai leader religiosi affinchè riconoscano che gli MDG possono essere completamente realizzati solo con la collaborazione e il dialogo tra le confessioni religiose. Tale iniziativa si basa sul dato secondo il quale i paesi protagonisti di conflitti religiosi, come l'Eritrea, progrediscono molto lentamente al raggiungimento degli 8 obiettivi

 

 

Raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio in Africa/ Gruppo direttivo per gli MDG in Africa - Istituito nel 2007, il gruppo riunisce i leader delle organizzazioni multilaterali per lo sviluppo per identificare le misure pratiche necessarie per raggiungere gli MDG e altri obiettivi sanciti e concordati a livello internazionale per l'Africa: rapporto relativo al Raggiungimento gli MDG in Africa (2008)

 

WB (Banca Mondiale) - Atlante degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio

 

UNDP (United Nations Development Programme/ Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo) / MDG - Gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio in Eritrea, documenti, informazioni e collegamenti utili; rapporto nazionale (2005)

 

Diritti umani

Documenti Agenzie ONU

Human Rights Council / Consiglio Diritti Umani - Report del gruppo di lavoro incaricato di effettuare la revisione periodica degli strumenti a tutela dei diritti umani implementati nel Paese.

 

Documenti di Altre Organizzazioni

Soldati dell'esercito eritreo accusati di perpetrare torture nei confronti degli oppositori politici

Amnesty International - Pagina che descrive le violazioni dei diritti umani in Eritrea, viene posto particolare rilievo alle violazioni alla libertà di espressione e alle restrizioni nei confronti di giornalisti, oppositori politici, gruppi religiosi non registrati e alla società civile in generale. Vengono segnalate inoltre gravi violazioni nei confronti dei detenuti, i quali sono soggetti molto spesso a tortura o a trattamenti inumani e degrandanti.

 

Human Rights Watch - Scheda sulle violazioni dei diritti umani e sulle relazioni con l'Etiopia.

 

Eritrean News, opinion and information about Eritrea and East Africa - Informazioni relative alle torture e ai trattamenti inumani e degradanti perpetrati dal governo agli oppositori politici.

Diritti delle donne

Documenti Agenzie ONU

UNICEF ((United Nations Children's Fund / Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia) - Articolo che descrive i festeggiamenti avvenuti in Eritrea nel giorno dell'anniversario dell'approvazione della legge che vieta le mutilazioni genitali femminili.

 

Committee on the Elimination of Discrimination against Women/ Comitato sull'eliminazione di tutte le forme di discriminazione nei confronti delle donne - Osservazioni conclusive sul rapporto, presentato dall'Eritrea, relativo all'implementazione della Convenzione.

 

Documenti di altre Organizzazioni

Donne eritree

The National Union of Eritrean Women - Articolo che documenta il ruolo che hanno avuto le donne nel processo di ricostruzione.

 

The Indian Journal Labour Economics - Documento realtivo alle donne presenti nel mercato del lavoro eritreo, prima e dopo l'indipendenza.

Diritti dei popoli indigeni e delle minoranze

Documenti Agenzie ONU

UNHCR (United Nations High Commissioner for Refugees / Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati) - Scheda che offre una rapida descrizione della situazione di migliaia di persone che, a causa dell'instabilità politica e delle violenze, sono costrette a spostarsi dai propri territori e cercar protezione nei Paesi vicini.

 

Documenti di altre Organizzazioni

Donne appartenenti alla minoranza Kunama impegnate in una danza tradizionale

Minority Rights Group International - Pagina che offre informazioni generali sulle minoranze presenti in Eritrea.

 

Baden-Kunama - Scheda che fornisce informazioni sulle violazioni dei diritti umani subiti dalla minoranza Kunama.

 

EPDP (The Official Eritrean People's Democratic Party Web site) - Articolo che affronta la questione del riconoscimento delle diverse etnie in Eritrea.

Diritti dei bambini

Documenti Agenzie ONU

Committee on the Rights of the Child / Comitato sui diritti dell'infanzia - Osservazioni conclusive sul rapporto, presentato dall'Eritrea, relativo all'implementazione della Convenzione sui diritti dell'infanzia.

 

UNICEF (United Nations Children's Fund / Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia) - Pagina con informazioni statistiche sulla condizione dell'infanzia nel Paese.

 

Documenti di altre Organizzazioni

Bimbi eritrei

United States Department of Labour - Rapporto, con dati statistici, sulle condizioni del lavoro minorile in Eritrea.

 

Child Soldiers Global Report - Approfondimento relativo al reclutamento dei bambini soldato nel Paese.

Guerre dimenticate

Documenti Agenzie ONU

 

Nell'arena internazionale ci sono regole per disciplinare i rapporti tra gli stati, anche quando essi siano in guerra. Esiste una serie di norme che regola la condotta in guerra degli eserciti, siano essi regolari o meno, ed è chiamato Diritto Umanitario. Questo s'inquadra nel più ampio Diritto Internazionale, insieme di norme ed accordi tra Stati che definiscono, tra le altre cose, quali siano i diritti umani o chi sia un rifugiato o un profugo.

UN Peacekeeping - il Peacekeeping delle Nazioni Unite è uno strumento creato dall'Organizzazione per contribuire a creare condizioni di pace duratura laddove sia scoppiato un conflitto. Il termine non trova posto nella Carta delle Nazioni unite ed è stato coniato dal secondo segretario delle Nazioni Unite, Dag Hammaskjold all'epoca dell'attivazione delle prime missioni di Peacekeeping.Questa mappa visualizza le missioni attuali dei Caschi Blu ONU, ma il Peacekeeping è stato utilizzato anche nel passato.

 

Documenti di altre organizzazioni

Department of Peace and Conflict Research Uppsala University - database dei conflitti attuali e passati per macroregione. Vengono rilevati sia i conflitti interstatali che i conflitti armati minori e le "one sided violence" cioè le violenze scatenate da gruppi etnici, clan, tribù nei confronti di minoranze, quasi sempre impossibilitate a difendersi. Scheda Paese.

 

Peacereporter - Il mondo in guerra: database dei conflitti armati in corso nell'anno. Consente di visualizzare un planisfero dei conflitti armati nell'anno in corso.

 

Guide tematiche:

Nuovi conflitti

In questa pagina riportiamo link e spunti di riflessione in merito a quei conflitti spesso ignorati dai media principali ma che influenzano (e cambiano) la vita di intere popolazioni. Spesso non è possibile racchiuderli in una precisa area geografica o entro i confini di una nazione e per questo sono più sfuggenti e sotterranei ma non meno importanti.

 

Documenti ONU

UNEP (United Nations Environment Programme/Programma Ambientale delle Nazioni Unite) - portale regionale dell'ufficio di collegamento per le iniziative di monitoraggio e gestione ambientale per l'Africa. UNEP si occupa del sostegno e della pianificazione di interventi per la cura dell'ecosistema del pianeta.

 

UNODC (United Nations Office on Drugs and Crime/ Ufficio delle Nazioni Unite competente su Droga e Criminalità) - ufficio di supporto alla lotta al crimine internazionale portata avanti dai governi nazionali. Monitora costantemente le principali direttrici del traffico degli stupefacenti ed elabora le mappe mondiali relative: qui le mappe sui principali flussi di eroina e cocaina. UNODC presenta una pagina dedicata all'Africa ed ai programmi particolari di raccolta ed elaborazione dati rivolti al continente africano.

 

Documenti altre organizzazioni

 

I conflitti, spesso ignorati o dimenticati dai massa media, che infiammano tutto il mondo lasciano dietro sé una scia mortale di Mine Antiuomo che continuano a mietere vittime a distanza di anni dalla fine delle ostilità, soprattutto tra coloro che la guerra nemmeno la hanno combattuta. E-Mine promuove la messa al bando delle mine antiuomo e la messa in sicurezza dei territori minati (mappa in pdf). Scheda Paese sulle azioni intraprese da E-Mine.

CDCA (Centro Documentazione Conflitti Ambientali) - centro di studi che raccoglie informazioni sui conflitti ambientali nel mondo. Il materiale è suddiviso per area geografica o per area tematiche: biodiversità, idrocarburi, miniere, foreste, acqua.

 

Pacific Institute - World's Water - pagina informativa sulle riserve mondiali di acqua dolce, presenta una mappa interattiva e una cronologia dei conflitti legati alla risorsa destinata a scarseggiare sempre più nei prossimi anni.

 

American University - The Mandala Project - progetto educativo di studio per grandi tematiche trasversali portato avanti dalla American University del Massachussets - articoli-Paese nelle tematiche TED (Trade and Environment Database) e ICE (Inventory of Conflict and Environment Database)

Guide tematiche:

Spese militari

Documenti Agenzie ONU

UN COMTRADE (United Nations Commodity Trade Statistics Database) – Dati sulle importazioni di armi (ad uso militare e civile) e principali partner commerciali

 

Documenti di altre Organizzazioni

SIPRI (Stockholm International Peace Research Institute) pubblica ogni anno un rapporto su armi, disarmo e sicurezza internazionale. È il rapporto più autorevole in materia - Spesa militare (1988-2008). L'Istituto mette a disposizione il proprio database a copertura mondiale sulle spese militari per Paese.

 

Control Arms – Campagna internazionale per l’adozione presso le Nazioni Unite di un Trattato internazionale sul commercio delle armi (ATT), destinato a impedire i trasferimenti di armi che alimentano conflitti, povertà e gravi violazioni dei diritti umani.

 

Archivio disarmo (Istituto di ricerca fondato nel 1982, che studia i problemi del controllo degli armamenti, della pace e della sicurezza internazionale) - Spese militari In Africa 1998-2008 per grandi aree e per Stati (Fonte: Sipri, Sipri Yearbook 2008. Armaments, disarmament and international security, Oxford University Press, 2008)

Guide tematiche:

Carte tematiche:

Migrazioni

Le gravi violazioni dei diritti umani, l'obbligo del servizio militare a vita e le carestie strutturali sono tra i principali fattori di spinta  per le fasce più giovani della popolazione eritrea. Nel 2015, secondo l'agenzia Frontex, le persone giunte in Italia irregolarmente provenienti dall'Eritrea sono le più numerose. Il viaggio dall'Eritrea verso l'Europa è particolarmente pericoloso. Molte persone vengono imprigionate in Sudan, da dove vengono anche rimpatriate o sequestrate dai trafficanti di uomini (e di organi) che le portano, attraverso il Sudan, verso l'Egitto con la lusinga di essere aiutate a raggiungere Israele. La meta finale però non viene mai raggiunta e il Sinai diventa il capolinea dove avvengono le peggiori atrocità : torture, espianto di organi, stupri, ... (leggi il rapporto "The Human Trafficking Cycle: Sinai and Beyond", 2013). Le persone che riescono ad arrivare in Libia non sono più fortunate, vittime delle violenze e di continue sopraffazioni. 

Con un saldo migratorio pari a -0,23, secondo gli ultimi dati dell’UNDP, l'Etiopia risulta essere un Paese prevalentemente di emigrazione. Infatti, consultando gli ultimi dati elaborati da Indexmundi,si può osservare tale tendenza emigratoria attraverso diversi parametri:

  1. la variazione degli spostamenti migratori (emigrazione ed immigrazione) tra il 2000 al 2014;
  2. il rank a livello mondiale: l'Eritrea si trova al 90° posto sui 221 Paesi presi a confronto;
  3. una carta comparativa a livello mondiale dei diversi tassi netti migratori. 

Documenti Agenzie ONU

UNDP (United Nations Development Program) – Pagina delle attività del programma per lo sviluppo e ultime informazioni sul Paese

United Nations Department of Economic and Social Affairs / Dipartimento per gli l’Economia e gli Affari Sociali delle Nazioni Unite) - International Migration Stock (revisione del 2015)

Documenti altre Agenzie

IDMC

Eritrei in Italia 

Guarda i dati della popolazione residente in Italia proveniente dall'Eritrea al 1° gennaio 2015 (Fonte: ISTAT).

(Centro di Monitoraggio degli Spostamenti forzati Interni) - Scheda dell'Eritrea con statistiche, documenti e carte sugli spostamenti e sulla permanenza delle tensioni lungo i confini con l'Etiopia.

Guide tematiche:

Profughi/Rifugiati

(Fonte: Amnesty International)

Secondo i dati dell'UNHCR, l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, si stima che, nel corso dell'anno 2014, ogni mese siano partiti dall'Eritrea 5.000 persone. Nel novembre 2014, il 90% degli eritrei arrivati in Europa aveva tra i 18 e i 24 anni (il dato è dell'UNHCR). Le ragioni per le quali questi giovani adulti lascino il loro paese sono poco diffuse dai media e quando lo sono, non sono capite. Per approfondire la questione si legga il rapporto di Amnesty International Just Deserters: Why indefinite national service in Eritrea has created a generation of refugees (dicembre 2015).

I giovani eritrei, uomini e donne, lasciano un paese governato da una dittatura, quella di Isaias Afewerki, primo e unico presidente dall'indipendenza nel 1993, che sta distruggendo ogni possibilità di sviluppo collettivo. Le gravi violazioni dei diritti umani, l'obbligo del servizio militare a vita e le carestie strutturali sono tra i principali fattori di spinta  per le fasce più giovani della popolazione eritrea. Il Paese è uno dei più poveri al mondo con poche garanzie nell'ambito del rispetto dei diritti umani (nonostante ciò, l'Europa, nel luglio 2015, ha discusso con il governo eritreo un pacchetto di aiuti allo sviluppo di oltre 300 milioni di euro).

Il processo di Khartoum 

E' un accordo siglato  il 28 novembre 2014 a Roma  tra i rappresentanti degli Stati membri dell’Unione Europea, dei paesi del Corno d’Africa (Eritrea, Somalia, Etiopia e Gibuti) e di alcuni paesi di transito (Sud Sudan, Sudan, Tunisia, Kenya ed Egitto) con lo scopo di stabilire forme di collaborazione per combattere il traffico di esseri umani, intervenire sui fattori scatenanti dell’emigrazione, cercare di garantire dei percorsi più strutturati per chi emigra, tutelando le fasce più vulnerabili e i richiedenti asilo.

Raggiungere l'Europa è un viaggio ad ostacoli fatto di confini da superare; tra un confine e l'altro, poi, i soggiorni temporanei sono esperienze difficili da immaginare. Il primo confine è quello con il Sudan: qui, l'accoglienza alla frontiera non è delle più amichevoli. Una volta sup

Oltre a creare richiedenti asilo e rifugiati all'estero, l'Eritrea "ospita" circa 3.000 rifugiati provenienti dai Paesi limitrofi, in particolare dal Sud Sudan, ma anche dal Kenya e dall'Etiopia. erato, gli eritrei devono sopravvivere al Sudan, al deserto. Poi c'è il confine con la Libia e le sue carceri; alla fine la traversata del Mediterraneo da dove riparte il superamento di un'altra serie di confini e di limiti. Per approfondimenti ascolta il racconto di Mussie Zerai, presidente dell’organizzazione Habesha.

Documenti Agenzie ONU

UNHCR (United Nations High Commissioner for Refugees / Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati) - Notizie relative alla situazione dei profughi e dei rifugiati, dati ed attività dell'organizzazione in Eritrea.

 Documenti di altre Organizzazioni

Alganesh Fessaha - Ascolta il racconto del suo impegno con la Ong Gandhi nel soccorso ai migranti da Lampedusa al Sinai (Fonte: Youtube)

ONG Ghandi - Organizzazione che oltre ad attività di sviluppo di iniziative educative per bambini, adolescenti e  donne vittime di violenza in alcuni Stati africani come la Costa d'Avorio, il Benin, il Sudan, l'Etiopia e l'Eritrea, si occupa di profughi, in particolare provenienti dall'Eritrea. Alganesch Fessaha, italoeritrea, presidente dell'ONG , attraverso il libro "Occhi nel deserto" ha raccontato la storia di cittadini eritrei, profughi , catturati in Sudan, portati nel Sinai e torturati. Per le Nazioni Unite, lungo le antiche rotte che lo collegano al Sudan e al Sahel, si è consumato il peggior traffico di esseri umani a memoria d'uomo, a partire dal 2008.

"Senza patria": eritrei d'Etiopia deportati in Eritrea dal governo etiope nel periodo 1998-2000 e il ruolo dei confini nella formazione delle identità collettive (da Forced Migration Review, 32, aprile 2009, pp. 15-17)

Guide tematiche:

Democrazia, dittature

Cronologia storica 

Per ripercorrere alcune tappe della storia dell'Eritrea, vedi la sezione Cronologia dell'Atlante di Nigrizia.

Nel 2014, l'Eritrea era il 155° Paese (su 167) dell'indice di democrazia dell'Economist.  

Documenti Agenzie ONU

IPU (Unione Interparlamentare) - Composizione del Parlamento eritreo

Documenti di altre Organizzazioni

Ministero dell'Informazione eritreo - Vita politica e ministeriale, storia e cultura del Paese

Breve storia politica dell'Eritrea (da Eritreadaily.net)

Amnesty International - Due terzi della popolazione ha continuato a dipendere dagli aiuti internazionali d'emergenza alimentare. Il governo non ha autorizzato partiti di opposizione, organizzazioni indipendenti della società civile o gruppi di fede religiosa né ha mostrato tolleranza verso il dissenso (da Rapporto 2008/Eritrea)

Guide tematiche:

Societa civile

Documenti Agenzie ONU

 

Cos'è una Organizzazione Non Governativa? è parte della Società Civile. E questa cos'è? la FAO risponde a queste domande.

UNDESA NGO Branch (United Nations Department of Economic and Social Affairs Non Governmnental Organization Branch/Dipartimento Affari Economici e Sociali delle Nazioni Unite, sezione Organizzazioni Non Governative) - database e fulcro nodale della rete di ONG che lavorano con le Nazioni Unite e/o soddisfano i parametri per ottenere lo status consultivo presso l'ONU. Attraverso la pagina di ricerca avanzata si può ottenere la lista delle ONG ordinata Paese per Paese.

 

 

 

UNODC (United Nations Office for Drugs and Crime prevention/Ufficio delle Nazioni Unite per la prevenzione del Crimine e del Narcotraffico) - NGO Database - lista delle oltre 2500 ONG attive nella prevenzione del crimine organizzato e del narcotraffico che operano principalmente tramite la diffusione della cultura della legalità e la conoscenza degli stupefacenti e dei danni da essi provocati

 

 

 

Documenti di altre organizzazioni

 

WANGO - Worldwide NGO Directory - archivio mondiale delle Organizzazioni non Governative, diviso per regione. Ospita anche il Manuale per le ONG che contiene definizioni, ambiti d'intervento e margini legali delle ONG.

 

 

 

The NGO Cafè - portale di news e biblioteca virtuale delle ONG. Contiene un meta-archivio regionale delle directory per trovare ONG nel mondo.

Guide tematiche:

Liberta di stampa

Documenti Agenzie ONU

UNESCO (United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization) - Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Istruzione, la Scienza e la Cultura che promuove la libertà d'informazione e stampa in quanto diritto umano fondamentale.

UNESCO (United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization / Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Istruzione, la Scienza e la Cultura) - promuove la libertà d'informazione e stampa come un diritto umano di base

 

 

Documenti di altre Organizzazioni

RSF (Reporters sans frontiers/Reporters without border/Reporter senza forntiere) - Organizzazione internazionale di giornalisti che si bate per la libertà d'informazione nel mondo. Stila annualmente una classifica della libertà d'informazione per Paese.

Freedom House – organizzazione statunitense che si occupa di libertà e diritti. Elabora ogni anno una mappa navigabile dove riporta il livello di libertà di stampa dei Paesi del mondo. La mappa viene elaborata in base a criteri e motivazioni espressi in calce alla stessa.

Press Reference - Informazioni relative ai mezzi di comunicazione quali stampa, televisione, radio e giornali, al sistema della censura e all' ingerenza dello Stato nel sistema dei mezzi di comunicazione con riferimento alla legislazione nazionale in materia di libertà di pensiero ed espressione e di diritto di replica

Guide tematiche:

Alimentazione

Documenti Agenzie ONU

Fao (Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura) - Profilo paese e sistema informativo cartografico con informazioni su risorse naturali, agricole forestali, ittiche e sui progetti di cooperazione tecnica

Documenti di altre Organizzazioni

Regional Agricultural Information Network (RAIN) – rete d'informazione per organizzazioni e professionisti che lavorano nel settore agricolo in dieci paesi dell'Africa orientale e centrale (Burundi, Rep. Dem. del Congo, Eritrea, Etiopia, Kenya, Madagascar, Ruanda, Sudan, Tanzania e Uganda)