esplora

Paesi | Africa | Africa occidentale | Burkina Faso

Ambiente

Savana alberata

Il territorio del Burkina Faso si estende all'interno delle vaste regioni centrali della fascia sudanese, fra la regione guineana e il bacino del fiume Niger (leggi la scheda sullo spazio fisico)

Thomas Sankara (presidente del Burkina Faso dal 1983 al 1987) è stato un precursore delle politiche ambientaliste. Nel 1985 lancia le "tre lotte", simbolo dell'impegno collettivo per la protezione dell'ambiente: lotta contro il taglio abusivo degli alberi, lotta contro la divagazione degli animali, lotta contro i fuochi di brousse

Documenti Agenzie ONU

UNDP (Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo) - Profilo ambientale: programmi per le energie e l'ambiente

Documenti di altre Organizzazioni

Codice dell'ambiente (1994) 

L'obiettivo del Codice è di stabilire i prinicipi fondamentali destinati a gestire e a proteggere l'ambiente contro ogni forma di degrado al fine di valorizzare le risorse naturali

Ministero dell'Ambiente - Legislazione ambientale, politiche, piani e programmi, trattati, accordi, potenzialità di investimento

Parks.it (il portale dei parchi italiani) - Parchi, riserve ed altre aree protette del Burkina Faso; alcuni di questi parchi sono gemellati con Piemonte Parchi (servizio del Settore pianificazione e gestione aree naturali protette della Regione Piemonte) attraverso progetti di cooperazione. Sulla Riserva della Biosfera transfrontaliera della "W" (Benin, Niger e Burkina Faso) è interessante la cartografia realizzata da Multimap Parc Régional W che capitalizza una banca di dati raccolti attraverso una ricerca in collaborazione con il Programma Regionale Parco W/ECOPAS dell'UE

Guide tematiche:

Cambiamento climatico

1 settembre 2009: inondazioni a Ouagadougou. 12 ore di pioggia initerrotta. 263 mm d’ acqua. Danni estesi alla capitale Ouagadougou. Il 50% del territorio urbano è danneggaito. Le inondazioni hanno colpito anche i paesi limitrofi della regione occidentale africana: circa 600.000 persone coinvolte. Effetto dei cambiamenti climatici? L'Africa compatta si mobilita per sostenere un "New Green Deal africano"

Documenti Agenzie ONU

UNFCCC (Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici) - Profilo del Paese relativamente alla convenzione; Prima comunicazione nazionale sui cambiamenti climatici (2001); Programma di azione nazionale di adattamento alla variabilità e ai cambiamenti climatici (2007)

FAO (Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Agricoltura e l'Alimentazione) - Rapporti e dati statistici sui cambiamenti climatici; pubblicazioni; carte

Documenti di altre Organizzazioni

OECD (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) - Studio regionale sull'incidenza dei cambiamenti climatici sulla sicurezza del territorio saheliano (2009). Caso di studio sui conflitti agro-pastorali nel sud-ovet del Burkina Faso (Provincia della Comoè) tra il 1986 e il 1995

EarthTrends (portale di informazione ambientale del World Resources Institut) - Dati sul clima e le emissioni di CO2 in Burkina Faso

CNCD-11.11.11 (Centre national de coopération au développement/Centro nazionale di cooperazione e sviluppo belga) - Intervista a Emmanuel Yoni, funzionario presso il Ministero delle Infrastrutture, sull'adattamento del Burkina Faso ai cambiamenti climatici

Guide tematiche:

Inquinamento

Ouagadougou, centro città

Ouagadougou, la capitale, è una delle città più inquinate al mondo. Tumori e malattie all'apparato respiratorio sono in continuo aumento a causa dell'inquinamento atmosferico. Le polveri sottili e la quantità di benzene nell'aria sono 3 volte superiori al limite massimo per la salute

 

Discarica di rifiuti a cielo aperto

La raccolta dei rifiuti solidi è gestita dai comuni (solitamente, però, sono delle società/cooperative private che assicurano il servizio), ma il trattamento e lo smaltimento non sono sempre garantiti. Spesso i rifiuti sono gettati in strada, dove si accumulano fino a che qualcuno decide di bruciarli con impatti enormi sull'ambiente e sulla salute

Documenti Agenzie ONU

UN-HABITAT (United Nations Human Settlements Programme/Programma delle Nazioni Unite per gli insediamenti umani) - Rapporto 2008-2009 State of the world's cities nel quale vengono evidenziati i rischi intrinseci dello sviluppo urbano, in particolare nelle città e metropoli dell'Africa sub-sahariana, dell'Asia e dell'America latina. Importanti i riferimenti alla città di Ouagadougou dove oltre all'espansione rapida dello spazio urbano, all'aumento dell'inquinamento e dei problemi sanitari connessi, viene evidenziato lo sforzo, dell'autorità comunale di diffondere buone pratiche ambientali e sostenibili. E' il caso della "Brigata Verde": un gruppo di donne (circa 1.700) creato nel 1995 per la pulizia delle principali arterie della capitale. L'attività, oltre ad essere sostenibile, è anche generatrice di reddito e rientra nei programmi di promozione e valorizzazione del lavoro retribuito delle donne

 

UNEP (United Nations Enviornment Program/Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente) - Accordo regionale tra i paesi dell'Africa occidentale e centrale in materia di inquinamento dell'aria (2009). L'accordo riguarda 21 paesi. L'accordo si compone dei seguenti capitoli: 1. cooperazione regionale, 2. sistema dei trasporti, 3. pianificazione e gestione urbana, 4. settore industriale ed minerario, 5. incendi boschivi, incendi incontrollati e deforestazione, 6. inquinamento interno dell'aria, 7. gestione ambientale nazionale e regionale, 8. partecipazione pubblica nella gestione della qualità dell'aria, 9. sviluppo formazione/ricerca

 

Documenti di altre Organizzazioni

LVIA (Associazione Internazionale di Volontariato Laico) - Tra i problemi ambientali, la diffusione incontrollata di rifiuti di plastica sia su suoli urbani che rurali è uno dei più preoccupanti. Una risposta al problema è venuta dalla realizzazione di un centro di valorizzazione dei rifiuti plastici

Guide tematiche:

Impronta Ecologica

Impronta ecologica (1961-2002) - Swiss Agency for Development and Cooperation-Global Footprint Network, Africa’s Ecological Footprint: Human Well-Being and Biological Capital, FACTBOOK, November 10, 2006

Documenti Agenzie ONU

GVU-UNU (Global Virtual University-United Nations University) - Dati (relativi al Living Planet Report, 2002) e grafici sull'impronta ecologica attraverso gli indicatori della biocapacità

Documenti di altre Organizzazioni

Global Footprint Network (Rete che promuove l’economia sostenibile utilizzando l’impronta ecologica come strumento principe per misurare la sostenibilità) - Impronta ecologica e biocapacità per persona dal 1961 al 2005

WWF (World Wildlife Fund - organizzazione internazionale per la protezione della natura) - L'organizzazione pubblica il Living Planet Report nel quale viene monitorata e analizzata la capacità del pianeta di mantenere e riprodurre la diversità biologica (il Living Planet Index misura questa capacità)

Carte tematiche:

Foreste/Deserti

Il Sahel, la "riva del mare"

Uno dei problemi più importanti ed evidenti del territorio saheliano è il degrado dei suoli legato in particolare alla pressione antropica (agricoltura ed allevamento) e a fattori climatici (erosione pluviale ed eolica ). I saperi locali hanno sviluppato delel tecnologie appropriate per raccogliere l'acqua, proteggere i germogli dal vento e difendere la superficie del terreno come le “diguette” (dal francese, "piccola diga"), cioè linee di pietre che seguono le curve di livello (o isoipse) o i cordoni pietrosi (guarda alcune immagini)

Thomas Sankara (presidente del Burkina Faso dal 1983 al 1987) è stato un precursore delle politiche ambientaliste. Nel discorso del 5 febbraio 1986 tenuto in occasione della "Prima conferenza internazionale sull'albero e la foresta", sostiene che "la nostra lotta in difesa degli alberi e delle foreste è in primo luogo una lotta popolare e democratica"

Documenti Agenzie ONU

UNCCD (United Nation Conference to Combact Desertification/Conferenza delle Nazioni Unite per la lotta contro la desertificazione) - Stato di ratifica della Convenzione e Rapporti nazionali

FAO (Fondo delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura) - Dati ed informazioni sul settore forestale

Documenti di altre Organizzazioni

Codice forestale (1997) 

Insieme dei principi fondamentali relativi alla conservazione e alla gestione delle risorse naturali forestali, faunistiche, alieutiche (art. 1)

Ministero dell'Ambiente - Rapporto nazionale sulla gestione sostenibile delle foreste (2004)

CILSS (Comité Permanent Inter Etats de lutte contre la Sécheresse dans le Sahel/Comitato permanete interstatale di lotta contro la siccità in Sahel) - Il Comitato è stato creato nel 1973 in seguito alla grande siccità saheliana degli anni '70 del Novecento. Attualmente comprende nove Stati: il Burkina Faso è tra i paesi membri ed ospita la sede. Tra gli obiettivi del comitato: la sicurezza alimentare, la lotta contro la desertificazione e le energie domestiche

EarthTrends (portale di informazione ambientale del World Resources Institut) - Dati su foreste, praterie e zone aride in Burkina Faso

AVPPF (Association pour la valorisation et la protection des produits forestiers/Associazione per la valorizzazione e la protezione dei prodotti forestali) - In Burkina Faso, l'associazione è specializzata nella valorizzazione dei prodotti forestali non legnosi (ad es. frutta, noci, erbe aromatiche, spezie, resine, gomme, fibre)

Oursi (Regione Sahel, a Nord del Burkina Faso): il deserto dei Fulani e Kal Tamashaq (Tuareg)

Acqua

Carta idrografica

 

Documenti Agenzie ONU

FAO/AQUASTAT - Informazioni su acqua e agricoltura in Burkina Faso

Documenti di altre Organizzazioni

Rifornimento idrico presso una fontana pubblica

Ministero dell'agricoltura e dell'idraulica - Testi legilativi, politiche, progetti e programmi

ONEA (Office national de l'eau et de l'assainissement/Ente nazionale dell'acqua e della bonifica) - Ente nazionale che si occupa della creazione, gestione e protezione delle installazioni di captazione, adduzione, trattamento/depurazione e distribuzione di acqua potabile, nonchè gestione e trattamento delle acque reflue in ambito urbano, peri-urbano ed industriale

Portale del settore idrico - Raccolta di informazioni sull'acqua (politiche, strategie, legislazione e regolamentazione, attualità)

CREPA (Centre Régional pour l'Eau Potable et l'Assainissement à faible coût) - E' un centro regionale (raggruppa 17 paesi dell'Africa occidentale); ha sede a Ouagadougou; si occupa di accesso all'acqua potabile, ai servizi igienici e di bonifica a prezzi contenuti per le popolazioni più vulnerabili delle zone rurali, peri-urbane ed urbane

EarthTrends (portale di informazione ambientale del World Resources Institut) - Dati sulle risorse idriche e gli ecosistemi d'acqua dolce in Burkina Faso

Il fiume Sourou sul quale è stato realizzato, negli anni '60 del Novecento, un progetto di sviluppo agricolo entrato oggi nelle mire dell'agrobusiness

La maggior parte dei fiumi hanno carattere temporaneo e la loro ricarica segue il regime pluviometrico. Uno degli obiettivi delle politiche agricole nazionali è assicurare la disponibilità idrica svincolandosi dall'aleatorietà climatica. Negli anni successivi all'indipendenza (1960), i fiumi sono diventati i destinatari dei progetti del nuovo Stato: Il Sourou (bacino del Mouhoun - Volta Nero), il Nakambé (Volta Bianco), la Comoè. Alla realizzazione di piccole e grandi dighe, sono seguiti gli aménagement, cioè le pianificazioni agricole (estensioni di terre bonificate per l'uso agricolo ed irrigate) destinate alla ceralicoltura (in particolare, riso), al cotone e all'orticoltura: la Valle del Sourou, Bagré, la Valle del Kou

Diga di Ziga per l'approvvigionamento di acqua potabile della capitale Ouagadougou inaugurata nel 2004

Guide tematiche:

Carte tematiche:

Biodiversita

Lago artificiale della Kompienga creato in seguito alla realizzazione della diga (1988)

Documenti Agenzie ONU

CBD (Convenzione sulla Biodiversità) - Informazioni generali e documentazione su regole e strategie relative alla biodiversità

FAO (Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Agricoltura e l'Alimentazione) - Rapporti e dati statistici sulla biodiversità; pubblicazioni; carte

Documenti di altre Organizzazioni

EarthTrends (portale di informazione ambientale del World Resources Institut) - Dati sulla biodiversità e le aree protette

Centre d'échange pour la coopération scientifique et technique (centro di scambio per la cooperazione scientifica e tecnica) - Zone protette, flora e fauna, attori coinvolti nella gestione della biodiversità in Burkina Faso

Guide tematiche:

Biotecnologie

Cotone transgenico. L'Africa occidentale è già invasa dagli OGM. Il Burkina Faso ha iniziato in maniera clandestina nel 2001 (violando la Convenzione sulla biodiversità e il Protocollo di Cartagena sulla biosicurezza). Il Mali ha appena autorizzato il cotone transgenico. Diversamente il Benin, che ha rinnovato per altri cinque anni la moratoria sugli OGM

La crisi alimentare del 2008 ha rilanciato il dibattito sulle biotecnologie, che dovrebbero accrescere la produttività dell'agricoltura africana. Il produttore americano di sementi Monsanto ha perciò deciso d'investire mezzi ingenti per imporli, con l'aiuto del presidente burkinabé Blaise Compaoré (che dal 2001 ha dato avvio all'introduzione di colture OGM). Per la stagione 2009-2010, il paese ha deciso di seminare più di 100.000 ettari di terreno a cotone transgenico. L'aumento delle superificie coltivate ad OGM, però, non fa diminuire la fame

Documenti Agenzie ONU

FAO (Fondo delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura) - Dati ed informazioni sul settore delle biotecnologie

Documenti di altre Organizzazioni

NERICA 

New Rice for Africa è un riso ibrido che combina varietà risicole africane ed asiatiche già sperimentato in molti paesi africani, tra i quali il Burkina Faso

AfricaRice (Centro panafricano per il riso; ex ADRAO/WARDA, Association pour le développement de la riziculture en Afrique de l’Ouest creata nel 1971) - Il centro si occupa di ricerca, sviluppo e partenariato per il miglioramento della produttività e rendimento del settore risicolo con particolare attenzione alla sostenibilità dell'ambiente produttivo

Sviluppo umano

Documenti Agenzie ONU

UNDP (United Nations Development Programme/ Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo) - Ufficio regionale per l'Africa occidentale e centrale; UNDP in Burkina Faso, aree d'intervento prioritarie e pubblicazioni; Statistiche aggiornate 2009, informazioni tratte dal Rapporto (2009) sullo sviluppo umano, rapporti e documenti programmatici nazionali

 

UNDG (United Nations Development Group/ Gruppo delle Nazioni Unite per lo Sviluppo) - Valutazione ed analisi condivise dalle Agenzie delle Nazioni Unite sulla situazione sociale, politica ed economica burkinabé e relativo programma di assistenza delle Nazioni Unite per lo Sviluppo del Paese (UNDAF 2001-2005) con aree prioritarie, strategie d'azione e politiche settoriali per il periodo 2006-2010

 

WB (World Bank/Banca Mondiale) - Serie di documenti preliminari in merito allo Sviluppo Umano nella Regione africana

 

NEPAD (The New Partnership for Africa's Development/ Nuovo partenariato per lo sviluppo dell'Africa) / Agenzia per la pianificazione e il coordinamento dello sviluppo umano - Agenzia finalizzata al rafforzamento delle relazioni tra crescita, educazione, scienza e sviluppo tecnologico e sradicamento della povertà

 

Cooperazione Internazionale

Documenti Agenzie ONU

Commissione Europea / EuropeAID - Programma di cooperazione internazionale in Burkina Faso; strategie e priorità dell'organizzazione nel Paese (2001-2007) e (2008-2013), progetti in corso e azioni dell'Unione Europea in Burkina Faso

EU (Unione Europea) - Informazioni relative alla strategia di cooperazione tra governo del Burkina Faso ed Unione Europea

Documenti di altre Organizzazioni

Ministero degli Affari Esteri - Ministero responsabile dell'implementazione della politica estera nazionale e delle relazioni del governo del Burkina Faso con i governi di altri Stati, le organizzazioni regionali e internazionali

Habitat

Documenti Agenzie ONU

Baraccopoli, cambiamento climatico e salute nell'Africa Subsahariana 

L'Africa subsahariana è la regione meno urbanizzata al mondo: solo il 39,1% della popolazione vive in città. Si stima, tuttavia, che la popolazione urbana di questa regione si moltiplicherà più del doppio entro il 2030 per un totale di 760 milioni di abitanti [...] Un recente articolo pubblicato dall' England Journal of Medicine afferma che l'urbanizzazione è "un rischio sanitario per alcune popolazioni particolarmente vulnerabili e questo mutamento demografico minaccia la crezione di un disastro umanitario". WHO/OMS, Volume 87, numero 12 del dicembre 2009

UN-HABITAT (United Nations Human Settlements Programme/Programma delle Nazioni Unite per gli insediamenti umani) - Attività, notizie e iniziative di ricostruzione di insediamenti umani e relative infrastrutture cui il Burkina Faso aderisce

 

Documenti di altre Organizzazioni

Ministero delle infrastrutture e dell'urbanizzazione -Informazioni utili relativamente ai progetti e alle politiche nazionali in tema di urbanizzazione, progetti e news aggiornate; collegamento al progetto Zaca,per il miglioramento della rete urbana a servizio dei cittadini

 

HIC (Habitat International Coalition) - Associazione internazionale indipendente, senza scopi di lucro, composta da oltre 400 organizzazioni e individui impegnati nel settore degli insediamenti umani. La forza dell'associazione si basa sulla memebership internazionale che include movimenti sociali, organizzazioni di base e della società civile, ONG, istituzioni di ricerca e universitarie e individui singoli provenienti da oltre 80 paesi diversi. Tra i membri del HIC figura anche organizzazioni burkinabé

 

Centro per la gestione delle città (CEGECI) - Centro istituito nel 1987 per la promozione dell'accesso all'alloggio e, in particolare, impegnata nell'housing sociale

Guide tematiche:

Educazione/Istruzione

"Noi crediamo che attraverso l'istruzione di donne e ragazze sia possibile rendere migliore la sopravvivenza di intere comunità. Ragazze istruite saranno donne istruite, che hanno competenze, capacità e opportunità di svolgere un ruolo fondamentale nella governance e nel processo di demoratizzazione nazionale nonchè influenzare la propria società." Forum for African Women Educationalists (FAWE), ong panafricana impegnata in 32 paesi africani, e attiva anche in Burkina Faso, per l'empowerment di ragazze e donne attraverso l'educazione.

Documenti Agenzie Onu

UNESCO (United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization/Organizzazione delle Nazioni Unite per l'educazione, la scienza e la cultura) - Attività dell'UNESCO in Africa, news, pubblicazioni e piani educativi; piano decennale di sviluppo dell'educazione di base (fase II 2008-2010);

 

IBE (Ufficio Internazionale dell'Educazione) / UNESCO (Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura) - Profilo del sistema educativo del Burkina Faso

 

Documenti di altre Organizzazioni

Associazione delle Università Africane 

Il Burkina Faso è uno dei paesi membri dell'Associazione delle Università Africane (AAU), organizzazione apice e forum di consultazione, di scambio di informazioni e di cooperazione tra le istituzioni di educazione superiore in Africa

 

Ministero dell'educazione di base e dell'alfabetizzazione

 

Ministero dell'Educazione secondaria superiore e della Ricerca Scientifica (MESSRS)- Esegue le politiche nazionali in materia di insegnamento pubblico e privato, secondario, superiore e della ricerca scientifica

 

Guide tematiche:

Turismo responsabile

Documenti Agenzie ONU

Consiglio Internazionale dei Partners del Turismo 

Consiglio Internazionale dei Partners del Turismo - Sezione dedicata alla Missione Africa, iniziativa nata per triplicare in maniera sostenibilile le rendite derivanti dall'attività turistica entro il 2015

 

UNWTO (United Nations World Tourism Organization/ Organizzazione Mondiale per il Turismo delle Nazioni Unite) - Programmi e attività dell'UNWTO in Africa

STEP (Sustainable Tourism - Eliminating Poverty) - Il programma del UNWTO per il turismo sostenibile ha elaborato 7 meccanismi, cioè sette azioni da praticare per consentire alle popolazioni locali dei paesi svantaggiati di beneficiare del turismo

 

Documenti di altre Organizzazioni

 

Ministero della Cultura, del Turismo e della Comunicazione - Sezione dedicata al turismo nel paese

 

ONTB (Ufficio Nazionale del Turismo burkinabè) - Portale di informazione e promozione turistica del Burkina Faso

Guide tematiche:

MDG

Stop alla povertà entro il 2015 è la promessa che 182 leader mondiali hanno fatto al Vertice Mondiale del 2000 convenendo nel raggiungimento degli 8 Obiettivi di Sviluppo del Millennio entro il 2015. Clicca qui per leggere le notizie più recenti sugli MDG in Africa

 

Documenti Agenzie ONU

MDG in Africa 

Rivista on-line che si focalizza in maniera specifica sui progressi e sulle abilità del continente africano nel raggiungimento degli Otto Obiettivi di sviluppo del Millennio: informazioni utili, mappatura degli MDG in Africa, e lista di paesi africani vicini al raggiungimento di ciascun obiettivo

UN (United Nations/ Nazioni Unite) / Millennium goals - Valutazione dei progressi realizzati in Africa in merito al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (2009)

 

Raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio in Africa/ Gruppo direttivo per gli MDG in Africa - Istituito nel 2007, il gruppo riunisce i leader delle organizzazioni multilaterali per lo sviluppo per identificare le misure pratiche necessarie per raggiungere gli MDG e altri obiettivi sanciti e concordati a livello internazionale per l'Africa: rapporto relativo al Raggiungimento gli MDG in Africa (2008)

 

WB (Banca Mondiale) - Atlante degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio

 

UNDP (United Nations Development Programme/ Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo) / MDG - Gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio in Burkina Faso, documenti, informazioni e collegamenti utili

 

UNDG (Gruppo delle Nazioni Unite per lo Sviluppo) - Rapporto 2004 sullo stato di avanzamento degli obiettivi del millennio in Burkina Faso

 

MDG Monitor - Strumento dell' UNDP che fornisce informazioni aggiornate sui progressi riguardanti il raggiungimento degli MDG si a livello globale che locale; profilo del Burkina Faso

Guerre dimenticate

Documenti Agenzie ONU

 

Nell'arena internazionale ci sono regole per disciplinare i rapporti tra gli stati, anche quando essi siano in guerra. Esiste una serie di norme che regola la condotta in guerra degli eserciti, siano essi regolari o meno, ed è chiamato Diritto Umanitario. Questo s'inquadra nel più ampio Diritto Internazionale, insieme di norme ed accordi tra Stati che definiscono, tra le altre cose, quali siano i diritti umani o chi sia un rifugiato o un profugo.

UN Peacekeeping - il Peacekeeping delle Nazioni Unite è uno strumento creato dall'Organizzazione per contribuire a creare condizioni di pace duratura laddove sia scoppiato un conflitto. Il termine non trova posto nella Carta delle Nazioni unite ed è stato coniato dal secondo segretario delle Nazioni Unite, Dag Hammaskjold all'epoca dell'attivazione delle prime missioni di Peacekeeping.Questa mappa visualizza le missioni attuali dei Caschi Blu ONU, ma il Peacekeeping è stato utilizzato anche nel passato.

 

Documenti di altre organizzazioni

Department of Peace and Conflict Research Uppsala University - database dei conflitti attuali e passati per macroregione. Vengono rilevati sia i conflitti interstatali che i conflitti armati minori e le "one sided violence" cioè le violenze scatenate da gruppi etnici, clan, tribù nei confronti di minoranze, quasi sempre impossibilitate a difendersi. Scheda Paese.

 

Peacereporter - Il mondo in guerra: database dei conflitti armati in corso nell'anno. Consente di visualizzare un planisfero dei conflitti armati nell'anno in corso.

 

 

Guide tematiche:

Nuovi conflitti

In questa pagina riportiamo link e spunti di riflessione in merito a quei conflitti spesso ignorati dai media principali ma che influenzano (e cambiano) la vita di intere popolazioni. Spesso non è possibile racchiuderli in una precisa area geografica o entro i confini di una nazione e per questo sono più sfuggenti e sotterranei ma non meno importanti.

 

Documenti ONU

UNEP (United Nations Environment Programme/Programma Ambientale delle Nazioni Unite) - portale regionale dell'ufficio di collegamento per le iniziative di monitoraggio e gestione ambientale per l'Africa. UNEP si occupa del sostegno e della pianificazione di interventi per la cura dell'ecosistema del pianeta.

 

UNODC (United Nations Office on Drugs and Crime/ Ufficio delle Nazioni Unite competente su Droga e Criminalità) - ufficio di supporto alla lotta al crimine internazionale portata avanti dai governi nazionali. Monitora costantemente le principali direttrici del traffico degli stupefacenti ed elabora le mappe mondiali relative: qui le mappe sui principali flussi di eroina e cocaina. UNODC presenta una pagina dedicata all'Africa ed ai programmi particolari di raccolta ed elaborazione dati rivolti al continente africano.

 

Documenti altre organizzazioni

 

I conflitti, spesso ignorati o dimenticati dai massa media, che infiammano tutto il mondo lasciano dietro sé una scia mortale di Mine Antiuomo che continuano a mietere vittime a distanza di anni dalla fine delle ostilità, soprattutto tra coloro che la guerra nemmeno la hanno combattuta. E-Mine promuove la messa al bando delle mine antiuomo e la messa in sicurezza dei territori minati (mappa in pdf). Scheda Paese sulle azioni intraprese da E-Mine.

CDCA (Centro Documentazione Conflitti Ambientali) - centro di studi che raccoglie informazioni sui conflitti ambientali nel mondo. Il materiale è suddiviso per area geografica o per area tematiche: biodiversità, idrocarburi, miniere, foreste, acqua.

 

Pacific Institute - World's Water - pagina informativa sulle riserve mondiali di acqua dolce, presenta una mappa interattiva e una cronologia dei conflitti legati alla risorsa destinata a scarseggiare sempre più nei prossimi anni.

 

American University - The Mandala Project - progetto educativo di studio per grandi tematiche trasversali portato avanti dalla American University del Massachussets - articoli-Paese nelle tematiche TED (Trade and Environment Database) e ICE (Inventory of Conflict and Environment Database)

 

Guide tematiche:

Spese militari

Documenti Agenzie ONU

UN COMTRADE (United Nations Commodity Trade Statistics Database) – Dati sulle importazioni di armi (ad uso militare e civile) e principali partner commerciali

 

Documenti di altre Organizzazioni

SIPRI (Stockholm International Peace Research Institute) pubblica ogni anno un rapporto su armi, disarmo e sicurezza internazionale. È il rapporto più autorevole in materia - Spesa militare (1988-2008). L'Istituto mette a disposizione il proprio database a copertura mondiale sulle spese militari per Paese.

 

Control Arms – Campagna internazionale per l’adozione presso le Nazioni Unite di un Trattato internazionale sul commercio delle armi (ATT), destinato a impedire i trasferimenti di armi che alimentano conflitti, povertà e gravi violazioni dei diritti umani.

 

Archivio disarmo (Istituto di ricerca fondato nel 1982, che studia i problemi del controllo degli armamenti, della pace e della sicurezza internazionale) - Spese militari In Africa 1998-2008 per grandi aree e per Stati (Fonte: Sipri, Sipri Yearbook 2008. Armaments, disarmament and international security, Oxford University Press, 2008)

 

Guide tematiche:

Carte tematiche:

Migrazioni

Documenti Agenzie ONU

The International Migration Stock - Statistiche sull'immigrazione in Burkina-Faso

 

IOM (International Organization for Migration / Organizzazione Internazionale per le migrazioni)/Ufficio Regionale per l'Africa dell'Ovest e del Centro - Programmi e attività della IOM in Burkina-Faso, Paese membro dell'Organizzazione dal 2000

 

World Bank (Banca Mondiale) - Migration and Remittances Factbook 2011: Guida che fornisce una visuale delle migrazioni e dei trasferimenti di denaro connessi per tutti i Paesi e Regioni del mondo, ottenuta da dati di varia origine. Pagina relativa al Burkina-Faso.

 

Documenti altre Organizzazioni

La Burkina-Faso è uno dei Paesi più poveri del mondo. Ogni anno migliaia di migranti stagionali vanno in Costa d'Avorio e in Ghana per trovare lavoro. Profilo del Paese stilato dal Migration Policy Institute.

INSD (Institut National de la statistique et de la démographie / Istituto Nazionale di Statistica e Demografia) - Portale con dati e informazioni sull'immigrazione-emigrazione dal Paese e sulla demografia in generale.

 

Associazione Dacupa - Nata nel 2009, l'Associazione ha lo scopo di promuovere, attraverso l’attività di volontariato, l’integrazione degli immigrati dal Burkina Faso nella realtà sociale e culturale della regione Veneto ed in Italia. Dacupa, nella lingua Bissa, significa "aiutarsi".

 

Università belga di Louvain - Le migrazioni interne dalle zone rurali verso le grandi città e gli effetti di questi spostamenti sullo sviluppo delle regioni d'origine sono al centro del lavoro di ricerca "La migration vers les grandes villes au Burkina Faso. Le développement des régions d’origine a-t-il un impact?"

 

FortressEurope - Visti dal Burkina Faso: se l'Italia ha la forma di un pomodoro. Gabriele Del Grande (giornalista e fondatore del blog FortressEurope) è a Niagho, piccolo villaggio da dove partono molti burkinabé che per guadagnarsi un futuro emigrano in Italia, a fare i braccianti stagionali. Vengono chiamati "gli italiani". Quelli che la stampa italiana ha ribattezzato come i "nuovi schiavi", in patria sono diventati piccoli eroi.

 

Migration Information Source - Progetto del Migration Policy Institute che fornisce una panoramica globale sull'immigrazione attraverso dati forniti da varie organizzazioni e governi, associando ad essi un'analisi delle migrazioni internazionali e dei movimenti dei rifugiati. Dati riferiti al Burkina Faso.

Guide tematiche:

Profughi/Rifugiati

Documenti Agenzie ONU

UNHCR (United Nations High Commissioner for Refugees / Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati) - Notizie relative alla situazione dei profughi e dei rifugiati, dati ed attività dell'organizzazione in Burkina Faso.

Nel 2008 in Burkina Faso giunsero circa un migliaio di profughi dal Mali, poichè nel loro Paese erano iniziati combattimenti tra l'esercito e i Touareg nel nord del Paese.

 

Documenti altre Organizzazioni

E' parte della Convenzione che regola gli aspetti specifici dei problemi dei rifugiati in Africa, adottata dall'Unione Africana nel 1969.

 

SRLAN (Southern Refugee Legal Aid Network / Rete d'Aiuto Legale ai Rifugiati del Sud del Mondo) - I dati aggiornati al 2009, mostrano che nel mondo vi siano circa un migliaio di rifugiati burkinabé, la maggior parte dei quali residenti in Italia (289).

Guide tematiche:

Democrazia, dittature

Il Presidente Blaise Compaoré 

Il presidente Blaise Compaoré è un ex militare che ha preso il potere con un colpo di stato nel 1987 in cui venne ucciso il suo predecessore, Thomas Sankara; è stato rieletto a novembre 2010 (riconfermato con l'80,2%), ma l’opposizione ha denunciato la presenza di brogli. Venerdì' 15 aprile scorso Compaoré si è rifugiato a Ziniaré, la sua città natale a 30 chilometri dalla capitale Ouagadougou, ha sciolto per decreto il governo e ha nominato ufficiali di sua fiducia ai vertici militari, nel tentativo di sedare le rivolte che imperversano nel Paese da febbraio.

Il Burkina Faso, in base alla Costituzione del 1991 è una repubblica presidenziale. Il Parlamento è monocamerale ed è formato dall'Assemblea Nazionale. Portale ufficiale del governo.

Una delle manifestazioni anti-governative che da mesi interessano il Burkina Faso.

 

Da fine febbraio 2011 migliaia di persone manifestano contro il carovita. Gli studenti e la magistratura contro l’impunità. I militari contro le disparità economiche.

 

Lettera43 (Quotidiano online indipendente) - Rabbia in Burkina Faso. Proteste militari e fame; e il presidente fugge dalla capitale.

 

Associazione Mani Tese (nata nel 1964 per combattere la fame e gli squilibri tra Nord e Sud del mondo attraverso progetti di cooperazione internazionale e la sperimentazione di stili di vita sostenibili) - Articolo sulla crisi in Burkina Faso scoppiata negli ultimi mesi.

 

African Election Database - Archivio dei risultati delle elezioni nei 48 Stati dell'Africa Sub-Sahariana, con cronologia e rispettivi numeri. Pagina relativa al Burkina Faso.

 

Freedom House - Organizzazione istituita nel 1941 allo scopo di documentare il grado di libertà vigente in ciascun paese in termini di diritti politici globali e libertà sociali attraverso una serie di indicatori; rapporto annuale (2010) riguardante il livello di libertà democratiche nel Burkina Faso.

 

The Economist - The Democracy Index: L'Economist Intelligence Unit misura lo stato della democrazia in 167 Paesi. Nel 2010 il Burkina Faso occupa il 120esimo posto.

Guide tematiche:

Societa civile

Documenti Agenzie ONU

 

Cos'è una Organizzazione Non Governativa? è parte della Società Civile. E questa cos'è? la FAO risponde a queste domande.

UNDESA NGO Branch (United Nations Department of Economic and Social Affairs Non Governmnental Organization Branch/Dipartimento Affari Economici e Sociali delle Nazioni Unite, sezione Organizzazioni Non Governative) - database e fulcro nodale della rete di ONG che lavorano con le Nazioni Unite e/o soddisfano i parametri per ottenere lo status consultivo presso l'ONU. Attraverso la pagina di ricerca avanzata si può ottenere la lista delle ONG ordinata Paese per Paese.

 

UNODC (United Nations Office for Drugs and Crime prevention/Ufficio delle Nazioni Unite per la prevenzione del Crimine e del Narcotraffico) - NGO Database - lista delle oltre 2500 ONG attive nella prevenzione del crimine organizzato e del narcotraffico che operano principalmente tramite la diffusione della cultura della legalità e la conoscenza degli stupefacenti e dei danni da essi provocati

 

UNCTAD (Conferenza delle Nazioni Unite per Commercio e Sviluppo) - dipartimento delle Nazioni Unite che si occupa anche di cooperazione tra mondo del commercio e del profitto con il mondo della Società Civile

Documenti di altre organizzazioni

WANGO - Worldwide NGO Directory - archivio mondiale delle Organizzazioni non Governative, diviso per regione. Ospita anche il Manuale per le ONG che contiene definizioni, ambiti d'intervento e margini legali delle ONG.

 

The NGO Cafè - portale di news e biblioteca virtuale delle ONG. Contiene un meta-archivio regionale delle directory per trovare ONG nel mondo.

Guide tematiche:

Liberta di stampa

Documenti Agenzie ONU

UNESCO (United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization) - Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Istruzione, la Scienza e la Cultura che promuove la libertà d'informazione e stampa in quanto diritto umano fondamentale.

UNESCO (United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization / Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Istruzione, la Scienza e la Cultura) - promuove la libertà d'informazione e stampa come un diritto umano di base

Documenti di altre Organizzazioni

RSF (Reporters sans frontiers/Reporters without border/Reporter senza forntiere) - Organizzazione internazionale di giornalisti che si bate per la libertà d'informazione nel mondo. Stila annualmente una classifica della libertà d'informazione per Paese.

Freedom House – organizzazione statunitense che si occupa di libertà e diritti. Elabora ogni anno una mappa navigabile dove riporta il livello di libertà di stampa dei Paesi del mondo. La mappa viene elaborata in base a criteri e motivazioni espressi in calce alla stessa.

Press Reference - Informazioni relative ai mezzi di comunicazione quali stampa, televisione, radio e giornali, al sistema della censura e all' ingerenza dello Stato nel sistema dei mezzi di comunicazione con riferimento alla legislazione nazionale in materia di libertà di pensiero ed espressione e di diritto di replica

Guide tematiche:

ICT, digital divide

Documenti di altre Organizzazioni

IICD (Istituto Internazionale per la Comunicazione e lo Sviluppo) - Profilo Paese relativamente alla presenza delle Tecnologie per l'Informazione e la Comunicazione (ICT), ai progetti attivati dall'organizzazione e alle conseguenze da essi prodotte

Guide tematiche:

Carte tematiche: